Ospedale di Amandola, ci siamo: il Tar boccia il ricorso. Ora si parte con i lavori

Venerdì 22 Maggio 2020
AMANDOLA - Lavori per la costruzione del nuovo ospedale dei Sibillini ai nastri di partenza. Già dalla prossima settimana ruspe e mezzi di movimento terra potrebbero mettersi in moto nell’ampia area in zona Pian di Contro dove sarà collocato il nosocomio. A sbloccare la situazione è la sentenza di ieri del Tar delle Marche che ha respinto la richiesta di annullamento del decreto regionale di aggiudicazione della gara europea telematica per l’affidamento dei lavori relativi al nuovo ospedale fissando l’udienza di merito al 22 luglio.

Il ricorso era stato fatto dall’impresa seconda classificata in graduatoria. Quindi la ditta di costruzioni vincitrice Torelli e Dottori di Cupramontana potrà mettersi all’opera. Entusiasta il sindaco di Amandola Adolfo Marinangeli. «Già l’impresa era venuta dai primi di maggio – dice - aveva fatto la cantierizzazione, picchettato tutta l’area, fatti i sondaggi geologici. Aveva anche preso contatti con imprese locali per la collaborazione stretta con il territorio». Lunedì mattina si firmerà il contratto tra Regione e ditta costruttrice. Poi inizieranno i primi sbancamenti per la costruzione del nosocomio che deve essere completato in 19 mesi.

«Ora procediamo velocemente con la costruzione dell’ospedale dei Sibillini – afferma il presidente della Regione Luca Ceriscioli – che rappresenta uno dei punti di riferimento per la salute nelle aree interne e nelle zone terremotate. Abbiamo urgente bisogno di presìdi che possano rispondere alle esigenze delle nostre comunità provate dalla duplice emergenza del virus e del sisma».  © RIPRODUZIONE RISERVATA