Croce Verde Valdaso, ricordo di Maggini. La sede intitolata al presidente onorario scomparso a ottobre scorso

Croce Verde Valdaso, ricordo di Maggini. La sede intitolata al presidente onorario scomparso a ottobre scorso
di Serena Murri
3 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Maggio 2022, 08:30

ALTIDONA - La Croce Verde Valdaso ha intitolato la propria sede a Graziano Maggini. L’associazione di volontariato, ieri mattina, ha affisso una targa all’ingresso della sede con il nome del presidente onorario, scomparso lo scorso 4 ottobre. L’intitolazione è avvenuta ieri mattina, nell’anniversario della fondazione della sede, avvenuta 27 anni fa.

 
I presenti
Erano presenti alla manifestazione la famiglia Maggini, i militi e i rappresentanti delle Croci del territorio, Croce Verde di Fermo, Croce Verde di Porto Sant’Elpidio, Croce Azzurra di Porto San Giorgio, Croce Arcobaleno, l’Associazione Carabinieri in congedo e i sindaci del territorio, vale a dire Altidona, Campofilone, Lapedona e Pedaso. A presentare la giornata Gianni Amurri, che ha visto crescere una delle più importanti associazioni di volontariato del territorio e ne fa parte da 16 anni.


Il commento
Prima di benedire la targa, don Johnny Parmigiani ha detto: «La storia della Croce Verde va di pari passo con la storia del territorio, di cui Graziano è stato parte, nonostante la sua malattia dal suo percorso non toglie ciò che ci ha donato e che rimane nei nostri cuori. Lui è qui in mezzo a noi». A ringraziare a nome di tutta la famiglia Maggini presente è stato il figlio Andrea: «Ringrazio a nome della mia famiglia, per la data e la dedica della sede a nome di mio padre. Ringrazio i sindaci e le associazioni e le persone che hanno voluto bene a mio padre». Il destino ha voluto che la sede della Croce Verde fosse proprio in un edificio nel quale Maggini aveva vissuto dal 1950 al 1964. Il presidente Daniele Petrini ha sottolineato: «Graziano era una persona umile e sincera. Con la fondazione di questa sede abbiamo sollevato dalle problematiche di fragilità dei malati con una struttura forgiata negli anni, che è riuscita a superare tante difficoltà, a supporto della sanità. Sulla targa abbiamo voluto una dedica semplice sulla storia di un uomo e in memoria di un’associazione. La figura di Graziano va ricordata per lo sviluppo che ha saputo dare all’associazione, con carisma e autorevolezza e generosità». Commossa la sindaca di Altidona, Giuliana Porrà, che ha ricordato il suo legame con la famiglia Maggini: «Graziano è stato un esempio per tutti noi. Ci ha regalato due elementi, quello dell’umiltà e del dono con la sua presenza costante e la sua disponibilità. Lui, era sempre in fondo e mai in prima fila, ma ha dato un contributo fondamentale alla Valdaso».


Le difficoltà
Petrini, in conclusione ha tenuto a sottolineare la sofferenza che stanno vivendo le Croci per la mancanza di volontari: «Aiutateci. Senza volontari avremo sempre più problemi e qualche associazione sarà anche costretta a chiudere. Aiutateci ad aiutare». Poi tutti in corteo, alla messa per la benedizione di tre nuovi mezzi, un’ambulanza, un’ambulanza per disabili grande e un altro mezzo per disabili piccolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA