Vaccino in Russia, avvertimento choc: «Non bevete alcol per due mesi o non siete immuni». E nel Paese è panico

Mercoledì 9 Dicembre 2020 di Simone Pierini
Vaccino in Russia, avvertimento choc: «Non bevete alcol per due mesi o non siete immuni». E nel Paese è panico

Panico in Russia. Un avvertimento lanciato da un funzionario sanitario riguardo il vaccino Sputnik V annunciato dal presidente Vladimir Putin nei mesi scorsi ha scosso il Paese. Secondo quanto affermato da Anna Popova, responsabile della tutela della salute dei consumatori, chiunque venga vaccinato contro il Covid19 con il vaccino Sputnik V russo dovrebbe rinunciare all'alcol per quasi due mesi. I russi hanno giudicato questa richiesta irragionevole e non ne vogliono sapere. Perché potete togliergli tutto, ma non la vodka. 

 

 

Lo Sputnik V, concesso in licenza con un processo accelerato prima della fine degli studi clinici, è stato somministrato a medici, soldati, insegnanti e assistenti sociali in primo luogo con un lancio su larga scala a livello nazionale che dovrebbe iniziare questa settimana.

 

 

L'avvertimento della Popova è stata lanciato attraverso la stazione radio Komsomolskaya Pravda  e la notizia è stata ripresa dalla Reuters. Sembra proprio che le persone dovrebbero smettere di bere alcolici almeno due settimane prima di ricevere la prima delle due iniezioni per poi continuare ad astenersi dal farlo per altri 42 giorni. Periodo che finirebbe per raddoppiare considerate le due iniezioni necessarie a 21 giorni di distanza una dall'altra.

 

 

La Popova ha avvertito che l'alcol potrebbe ridurre la capacità del corpo di sviluppare l'immunità al Covid 19. «È uno sforzo per il corpo. Se vogliamo essere sani e avere una forte risposta immunitaria, non bisogna bere alcolici», ha detto. «Questo mi dà davvero fastidio», ha detto alla Reuters Elena Kriven, una cittadina residente a Mosca. «È improbabile che non potrò bere per 80 giorni e ritengo che lo stress sul corpo di rinunciare all'alcol, specialmente durante il periodo festivo, sarebbe peggiore degli effetti collaterali del vaccino e dei suoi presunti vantaggi», ha aggiunto.

 

In salvataggio (ma solo in parte) dei russi è arrivato direttamente Alexander Gintsburg, lo sviluppatore del vaccino, che ha contraddetto la Popova. Il canale Twitter di Sputnik V mercoledì ha pubblicato un consiglio molto diverso con un'immagine dell'attore hollywoodiano Leonardo Di Caprio che sollevava un bicchiere di champagne. «Un bicchiere di champagne non farà male a nessuno, nemmeno al tuo sistema immunitario», ha ammesso Gintsburg che tuttavia ha aggiunto che sarebbe prudente ridurre il consumo di alcol di una quantità ragionevole mentre il corpo costruisce l'immunità, nonostante questo non sia totalmente necessario.

 

Ultimo aggiornamento: 18:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA