La famiglia, eroico argine e luce nel buio del mondo

Domenica 15 Maggio 2022 di Don Aldo Buonaiuto
La famiglia, eroico argine e luce nel buio del mondo

L’odierna giornata internazionale della famiglia richiama la coscienza individuale e collettiva alla consapevolezza di una “missione tradita”. Nel 1994 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, proponendosi di diffondere una maggiore coscienza, a livello globale, in merito ai processi sociali, economici e demografici che coinvolgono le famiglie nel mondo, proclamava questa giornata, dedicandola al “fondamentale gruppo sociale e l’ambiente naturale per lo sviluppo e il benessere di tutti i suoi membri, in particolare i bambini”. Oggi, nelle tenebre della pandemia e della guerra, è più che mai la “chiesa domestica” a guidare e sorreggere l’umanità affranta e minacciata nella sua dignità e sopravvivenza. La duplice crisi sociale ed economica provocata dal Covid e dai fragori bellici nel cuore dell’Europa trova nella famiglia un eroico e misconosciuto argine valoriale e solidale. Tra le mura domestiche la civiltà tenta in ogni modo di resistere alla barbarie dello “spirito di Caino” e alla “globalizzazione dell’indifferenza”. Alla salvaguardia dei nuclei familiari sulle cui spalle vengono caricati tutti i pesi della società, Papa Francesco dedica parte fondamentale del suo magistero. «Ogni famiglia è sempre una luce, per quanto fioca, nel buio del mondo», insegna il Pontefice. Eppure “la famiglia oggi è disprezzata, è maltrattata”. Ne scaturisce il continuo appello papale a “riconoscere quanto è bello, vero e buono formare una famiglia”. Perché “essere famiglia oggi è indispensabile per la vita del mondo, per il futuro dell’umanità”, sottolinea il Pontefice. Parole applaudite, ma ben poco ascoltate dai governanti di ogni colore politico e nazionalità. Anche in Italia, culla del cattolicesimo, l’ipocrisia di circostanza avvolge di ricorrenti attestazioni di ammirazione e stima l’istituto familiare poi in concreto abbandonato alle sue necessità e sofferenze quando si tratta di ripartire fondi comunitari o regionali per il supporto alla maternità, l’aiuto alla disabilità e i servizi all’infanzia e alla terza età. La Costituzione italiana “riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio”. Però, di fatto, nell’assegnazione di risorse e sostegni viene sistematicamente messo in secondo piano l’indispensabile ruolo familiare nel soccorso ai fragili e nella decisiva missione educativa e assistenziale. La centralità della vita dal concepimento al suo termine naturale si fonda sulla famiglia. Una vocazione al contempo civile e religiosa. La famiglia, infatti, è cellula costitutiva della comunità e ponte fra Chiesa e mondo. Attraverso la pastorale familiare la missione ecclesiale non si ferma all’autoreferenzialità, bensì è spronata a raccordare Cristo, da cui tutto essa riceve ed a cui tutto deve, con l’umanità cui il Vangelo è destinato. Sono sotto i nostri occhi certi esiti degenerativi, intervenuti nel tessuto sociale e nelle dinamiche delle collettività umane, al punto che già i predecessori di Francesco avevano dovuto riconoscere come in questi decenni si sia fatta avanti una desertificazione spirituale. Che cosa possa significare una vita individuale e collettiva senza famiglia, lo si può già sapere da alcune pagine tragiche della storia. Nelle persecuzioni, nei totalitarismi e nei genocidi perpetrati nel pianeta la prima entità da annientare e smembrare è sempre stata proprio la famiglia. In forme diverse questa demolizione della famiglia la vediamo ogni giorno intorno a noi e ciò contribuisce al vuoto che si è diffuso. Al contrario ogni credente è chiamato a portare il pieno della salvezza inaugurata da Gesù. Il Papa ci ricorda che la globalizzazione e l’individualismo postmoderno favoriscono uno stile di vita che rende molto più difficile lo sviluppo e la stabilità dei legami tra le persone e non è favorevole per promuovere una cultura della famiglia. Ora che, tra Pnrr e misure per la ripartenza, si proclama l’intenzione di contrastare le disuguaglianze, diventa una prova di credibilità delle istituzioni smettere di abbandonare la famiglia a sé stessa. “Cosa puoi fare per promuovere la pace nel mondo? Vai a casa e ama la tua famiglia”, diceva Madre Teresa di Calcutta.

 Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII

 

Ultimo aggiornamento: 17:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA