Versamento Iva, ultimo giorno utile
Come calcolarla e chi deve pagare

Martedì 16 Maggio 2017
Versamento Iva, oggi ultimo giorno utile. Ecco come calcolarla e chi deve pagare

ROMA - Fisco, giorno nero per i contribuenti. Oggi 16 maggio è l'ultimo giorno utile per il versamento Iva relativo al primo trimestre del 2017 e per il versamento della 3°rata del saldo Iva 2017 relativo all'anno d'imposta 2016. I soggetti passivi Iva devono liquidare e versare l'Iva utilizzando, esclusivamente in via telematica, il Modello F24. Vediamo, nel dettaglio, le categorie di contribuenti coinvolte e come calcolare l'imposta.

IVA PRIMO TRIMESTRE In caso di versamento trimestrale dell'Iva l'eventuale debito d'imposta deve essere maggiorato dell'1% a titolo di interesse. Il codice tributo da utilizzare è il numero 6031. Tra i contribuenti che devono versare l'Iva trimestrale sono compresi imprenditori artigiani e commercianti, agenti e rappresentanti di commercio, lavoratori autonomi, professionisti titolari di partita Iva iscritti o non iscritti in albi professionali e società di persone, società semplici, Snc, Sas e Studi Associati.

CALCOLO IVA Per calcolare l'Iva con periodicità mensile (o trimestrale) - spiega l'Agenzia delle Entrate - il contribuente deve effettuare la seguente operazione: all'Iva esigibile nel mese (o trimestre), risultante dalle annotazioni eseguite o da eseguire nei registri relativi alle fatture emesse o ai corrispettivi delle operazioni imponibili, deve essere sottratta l'Iva risultante dalle annotazioni eseguite nei registri relativi ai beni e ai servizi acquistati, sulla base dei documenti di spesa di cui è in possesso e per i quali il diritto alla detrazione viene esercitato nello stesso mese (o trimestre).

SALDO IVA 2017 Oggi è l'ultimo giorno utile anche per il versamento della 3°rata Iva per i contribuenti che hanno scelto il pagamento rateale del saldo relativo all'anno d'imposta 2016. Per procedere al versamento del saldo Iva 2017 tramite modello F24 bisogna utilizzare il codice tributo 6099 / sezione Erario / periodo di riferimento 0101 / anno di riferimento 2016. Il versamento a rate prevede una maggiorazione dello 0,4% per ogni mese o frazione di mese. Oltre le scadenze fissate però, ovvero il 30 giugno e il 30 luglio, scatta il ravvedimento operoso.

Ultimo aggiornamento: 11:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA