Tasse mensili e automatiche per le partite iva: la proposta dall'Agenzia delle entrate

Domenica 19 Luglio 2020
Tasse mensili e automatiche per le partite iva: la proposta dall'Agenzia delle entrate

Tasse pagate mensilmente e in modo automatico. Questa è la proposta che arriva dall'Agenzia delle entrate per il pagamento delle tasse da parte delle partite iva. Basta alle mille scadenze differenziate per tributo, imposta, bollo, il direttore dellʼAgenzia delle entrate Ernesto Maria Ruffini, ha pensato a una proposta rivoluzionaria che porterà a scadenze mensili o al più trimestrali.

LEGGI ANCHE:

Trova la ex con un altro: Daniel precipita dal sesto piano e muore a 29 anni


Il direttore a Il Messaggero ha spiegato la sua idea di semplificazione, scadenze e pagamenti unici che faciliteranno soprattutto la tassazione per le aziende. Ruffini parla anche di automatizzazione: si pensa a un riconoscimento di un credito per le successive scadenze. Così gli adempimenti dalla parte delle imprese si snellirebbero, e si avrebbe l'immediato effetto decongestionamento da scadenze fiscali, che tanto preoccupa in questi giorni. 

Niente più quindi saldi e acconti in modo da snellire le pratiche, da evitare rimborsi annuali, e da eliminare anche grosse cifre da pagare per i contribuenti che verrebbero poi anche rateizzate. In questo modo si eviterebbe la mancanza di liquidità e si faciliterebbero gli investimenti. Non solo, lo smaltimento fiscale eviterebbe anche ingorghi in particolari periodi dell'anno, come luglio, agevolando non solo le imprese e le partite iva, ma anche i lavori correlati al pagamento delle tasse. 

Ultimo aggiornamento: 15:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA