Con Ciriaci la seconda vita dei capi vintage è fashion e green

Giovedì 12 Dicembre 2019 di Massimiliano Viti
San Severino, con Ciriaci la seconda vita dei capi vintage è fashion e green

SAN SEVRINO - Economia circolare, sostenibilità, recupero dei rifiuti, tutti concetti di cui oggi sentiamo parlare sempre più spesso, con i grandi brand della moda impegnati a studiare come passare dalle parole ai fatti. La sostenibilità è già un importante fattore di competitività e lo sarà sempre di più col passare degli anni. Federico Ciriaci, 37 anni, ha creduto da tempo al potere dell’economia circolare e ci ha costruito il suo futuro. Il giovane sanseverinate dà una seconda vita ai vestiti, li rigenera. 

LEGGI ANCHE:
La second life degli pneumatici: Roy Rebel li trasforma in borse

Da Fabriano al Rajastan: la carta sacra di Sandro fatta con la sabbia del Gange

Raccoglie capi di abbigliamento vecchi, usati, quasi sempre destinati alla discarica. Li scuce fino ad ottenere una intera tela, che poi lavora come fosse nuova. Il risultato finale è un capo con un effetto used naturale e non ottenuto attraverso trattamenti inquinanti. Un’attività complessa che richiede abilità creative e manuali non comuni. Il nuovo pezzo viene venduto a negozi, boutique con il marchio Archived Surplus o, senza brand, all’ingrosso o ad altre aziende che lo inseriscono nel proprio campionario. La produzione è limitata ad una ventina di pezzi al giorno, circa 4.000-5.000 l’anno. Federico non ha una formazione specifica, né nel campo della moda e né in quello dell’arte. «A 18 anni ricondizionavo i computer che le banche buttavano per sostituirli con macchine più moderne e performanti. Poi una decina di anni fa ho iniziato a customizzare le scarpe Converse e poco dopo sono passato ai pantaloncini corti a cui applicavo le stesse borchie utilizzate per le sneaker», racconta Federico che poi ha avuto il colpo di fulmine quando ha incontrato il denim. Quello che prima era un hobby è diventato il suo lavoro otto anni fa quando ha creato l’azienda Studio365. Oggi Federico Ciriaci ha un magazzino, con una piccola lavanderia interna, e continua a destrutturare e a riassemblare i capi. La fase più importante e delicata è la raccolta dell’abbigliamento.
La ricerca
«Vado spesso alla ricerca dei lotti da acquistare, in Italia e all’estero. Stock provenienti da fallimenti, capi vecchi o usati. Sono specializzato nel jeans, che nella stragrande maggior parte dei casi si traduce con Levi’s, il brand più diffuso. Non faccio una selezione a monte di quello che reputo più adatto ad essere rigenerato come facevo in passato. Un’operazione che oggi possono fare in parecchi. Ora compro tutti i pezzi, belli, brutti, sporchi, macchiati. Li utilizzo tutti. Non getto via niente. Gettare, buttare, sono verbi banditi nel vocabolario della mia azienda» precisa l’imprenditore .

Non solo jeans
A questa attività “rigenerante”, in cui il denim assorbe circa il 60%, Federico ha affiancato il business dei capi militari. Sono soprattutto capispalla e camicie che arrivano prevalentemente dall’estero. Una volta entrati nel magazzino di Archived Surplus subiscono lo stesso trattamento e lavorazione. In entrambi i casi (sia abiti civili e sia militari) i clienti sono sparsi in tutta Italia, Marche comprese. E sono in aumento perché il mercato del second hand e dell’usato sta prendendo piede, proprio per la crescente sensibilità verso le questioni legate all’ambiente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA