Conte: «Quota 100 non sarà rinnovata, riforma pensioni in base al lavoro svolto»

Sabato 26 Settembre 2020
Conte: «Quota 100 non sarà rinnovata, riforma pensioni in base al lavoro svolto»

Nessuna proroga di quota 100, età pensionabile in base ai lavori, miglioramento del reddito di cittadinanza. E poi, sui decreti Salvini ampie modifiche per «allargare il meccanismo di sicurezza e protezione per i cittadini e per i migranti stessi». Sono solo alcune delle cose dette dal premier Giuseppe Conte al Festival dell'Economia di Trento dove ha anche respinto le critiche per come sta procedendo la stesura dei progetti da attuare con i fondi del Recovery Fund: «Non mi risulta che ci siano paesi più avanti di noi con il Recovery fund. È l'Ue che ci ha chiesto le linee guida e non i progetti». 

 

Quota 100

«Quota 100 è un progetto triennale di riforma che veniva a supplire a un disagio sociale. Non è all'ordine del giorno il rinnovo di quota 100». Lo dice il premier Giuseppe Conte al festival dell'Economia di Trento.
 

Riforma delle pensioni

E ancora: «Tra le riforme che ci aspettano possiamo anche lavorare su quella delle pensioni. Dobbiamo metterci attorno a un tavolo: ad esempio fare una lista dei lavori usuranti mi sembra la prospettiva migliore. Un professore universitario vorrebbe lavorare a settant'anni, mentre in tanti lavori usuranti non possiamo prospettare una vita lavorativa così lunga. Dobbiamo avere il coraggio di differenziare».
 

Reddito di cittadinanza

Conte difende poi il reddito di cittadinanza che però, secondo il premier, può essere migliorato: «Meno male che avevamo una misura di protezione sociale come il reddito di cittadinanza cui abbiamo aggiunto il reddito di emergenza. Certo si possono sempre migliorare in fase di attuazione. In due anni calare una misura così complessa in un tessuto sociale che presenta criticità strutturali, non è affatto semplice». «Il progetto di inserimento nel mondo del lavoro collegato al reddito di cittadinanza ci vede ancora indietro. Ho già avuto due incontri con i ministri competenti: dobbiamo completare quest'altro polo e dobbiamo riorganizzare anche una sorta di network per offrire un processo di formazione e riqualificazione ai lavoratori. Dobbiamo cercare di costruire un percorso coordinato. Spero che nei primi mesi del 2021 potremo presentare l'altro progetto, quello che incrocia l'attuazione del reddito di cittadinanza con l'inserimento nel mondo del lavoro». 
 

Migranti e Ue

«Nessuno può pensare che la gestione dei flussi migratori, un fenomeno così complesso e da gestire con approccio multilivello, possa essere risolto da un mese all'altro. È un percorso che stiamo facendo e che già ha segnato una prima tappa nell'estate 2018 quando maturò la consapevolezza che Dublino dovesse essere superato. La proposta della Commissione europea è un passaggio non trascurabile ma sicuramente non è l'approdo di una politica europea efficace di gestione dei flussi migratori» che deve basarsi sul «principio di solidarietà». «Per chi si sottrae agli adempimenti dovrà esserci un meccanismo penalizzante», risponde a una domanda su eventuali multe a chi non accoglie.​
 

Decreti sicurezza

Sulle modifiche dei decreti sicurezza di Salvini «prima dell'estate è già stato fatto un lavoro intenso. Vogliamo allargare il meccanismo di sicurezza e protezione per i cittadini e per i migranti stessi, che arrivano spesso in condizioni di fortuna. È un progetto molto più ampio che cercheremo di integrare nelle modifiche che al primo Consiglio dei ministri utile cercheremo di portare. Ci stiamo lavorando adesso sul piano tecnico».  

Ultimo aggiornamento: 18:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento