Covid, Inps: «Nessun allarme per le pensioni. Pagamenti cig sono al 97,3%»

Lunedì 25 Gennaio 2021
Covid, l'Inps: «Nessun allarme per le pensioni. Pagamenti cig sono al 97,3%»

 

Nessun allarme per il pagamento di pensioni e prestazioni a sostegno del reddito: lo ha comunicato l'Inps. Che, al 25 gennaio, ha già perfezionato oltre 3,20 milioni di domande di cassa integrazione, ovvero il 97,3% del totale. Quelle respinte sono 271mila e quelle in lavorazione 88mila, di cui 60mila - circa il 70% - sono state inoltrate tra dicembre e gennaio. Nonostante l'aumento delle domande nell'ultimo trimestre del 2020 per le prestazioni legate al Covid, l'Inps in una nota precisa che anche i pagamenti ai lavoratori risultano aver coperto il 98,3% delle richieste pervenute, cioè 16,9 milioni di domande su 17,2 milioni.

 

Sono inoltre in lavorazione i pagamenti per 293 mila prestazioni di cui 252 mila giunte soltanto a gennaio. Nel corso del 2020, lo Stato ha previsto che l'Inps finanziasse con risorse proprie alcune delle misure economiche finalizzate al contrasto degli effetti economici della pandemia fra cui la cassa integrazione ordinaria, assegno di solidarietà, Naspi e indennità di malattia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA