Bonus occhiali (e lenti a contatto) e visite oculistiche, sì alle spese sostenute in contanti

Sabato 12 Giugno 2021 di Francesco Bisozzi
Bonus occhiali (e lenti a contatto) e visite oculistiche, sì alle spese sostenute in contanti

Arriva lo sconto Irpef del 19 per cento per l'acquisto di occhiali da vista nel 2020. Trattandosi di dispositivi medici, gli occhiali da vista (e le lenti a contatto) hanno diritto alla detrazione, come anche le visite dall'oculista (che rientrano invece nella categoria delle prestazioni specialistiche).

La spesa sostenuta va indicata nella dichiarazione dei redditi. E a differenza di quanto accade per acquisti di altra natura, che hanno diritto alla detrazione solo se effettuati con strumenti tracciabili, nel caso delle spese mediche l'agevolazione fiscale scatta pure se il pagamento è avvenuto in contanti. Così l'Agenzia delle Entrate: «Rientrano tra i dispositivi medici che hanno diritto alla detrazione gli occhiali da vista e le lenti a contatto, con esclusione delle spese sostenute per l’impiego nella montatura di metalli preziosi come oro, argento e platino».

 

Pubblica Amministrazione, parte il modello Linkedin: all'Inps funziona già per reclutare innovatori

Tasse, per le partite Iva il pagamento slitta a dopo l’estate

 

 

Le spese

 

Tra le spese per le quali è prevista l'agevolazione fiscale sono incluse anche quelle per l’acquisto del liquido per le lenti a contatto, in quanto indispensabile per l’utilizzazione delle lenti stesse, precisa sempre l'Agenzia delle Entrate. Per ottenere la detrazione è necessario tuttavia che la documentazione relativa all'acquisto sia completa.

Più nel dettaglio, lo scontrino deve riportare la dichiarazione che il dispositivo acquistato è un prodotto con marcatura CE, oltre al codice fiscale dell'acquirente. La scadenza per la trasmissione del modello 730/2021, come l’anno scorso, è fissata al 30 settembre 2021. L’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione dei contribuenti la dichiarazione dei redditi precompilata il 10 maggio e dal 19 maggio è possibile modificare, integrare e inviare i dati già presenti. Bisogna tenere a mente però che la riduzione dell'imposta per le spese mediche arriva solo una volta superata la franchigia di 129,11 euro. Lo sconto, più nel dettaglio, si applica sulla totalità delle spese mediche sostenute per la parte che eccede la soglia dei 129,11 euro. In pratica, per chi ha speso 500 euro per occhiali da vista e visita oculistica nel 2020, la riduzione d'imposta sarà calcolata su 370,89 euro. Se invece la spesa sostenuta lo scorso anno è di mille euro, per effetto dello stesso meccanismo lo sconto Irpef verrà calcolato su 870,89 euro. In compenso non è previsto un limite massimo di detraibilità.

 

 

Ultimo aggiornamento: 13 Giugno, 16:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA