Bonus Inps 2.400 euro, domande on line entro il 30 aprile: ecco chi ne ha diritto e quando verrà pagato

Domenica 18 Aprile 2021 di Francesco Bisozzi
Bonus Inps 2400 euro, domande on line entro il 30 aprile: ecco chi ne ha diritto e quando verrà pagato

La buona notizia è che il bonus una tantum da 2400 euro previsto dal decreto Sostegni per i lavoratori le cui attività sono state fortemente penalizzate dalle misure anti-contagio è stato liquidato a tutti gli aventi diritto che in precedenza avevano già beneficiato dell'indennità onnicomprensiva. Quella cattiva è che chi ha scelto di ricevere il bonus con bonifico domiciliato in posta la somma non sarà corrisposta in un’unica soluzione ma attraverso tre rate da 800 euro.

 

Bonus vacanze: chi e come può chiederlo, come spenderlo e quanto dura. Tutte le novità in arrivo

 

Le domande

Vale la pena di ricordare che la domanda per accedere al bonus deve essere presentata all’Inps in via telematica entro il 30 aprile da parte di chi non aveva richiesto l'indennità in precedenza e che dunque non ha ricevuto in automatico il bonifico da 2400 euro. In realtà il pagamento automatico ha raggiunto solo i lavoratori che avevano percepito l'indennità Covid-19 onnicomprensiva pari a mille euro prevista dal decreto Ristori. I beneficiari: sono state favorite le categorie che meno sono state sostenute dai precedenti provvedimenti e che hanno usufruito solo marginalmente dei sussidi anti-Covid. L’articolo 10 del Sostegni stabilisce il nuovo perimetro degli aventi diritto.

 

 

 

I lavoratori

Tra i lavoratori premiati dalla misura ci sono gli stagionali, i lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali, i lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali, i lavoratori intermittenti, i lavoratori autonomi occasionali, i lavoratori incaricati alle vendite a domicilio, i lavoratori a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali, i lavoratori dello spettacolo. L’Inps già il 6 aprile, a quindici giorni quindi dal varo del decreto Sostegni che ha previsto l'indennità onnicomprensiva di 2.400 euro, aveva terminato di liquidare l'aiuto a tutti i lavoratori che ne avevano diritto in quanto beneficiari delle indennità previste dal Ristori, per un totale di 235.509 bonus versati e un importo complessivo superiore a 565 milioni di euro. Per coloro che hanno il bonifico domiciliato in Posta la somma sarà corrisposta in tre versamenti distinti da 800 euro per effetto del limite che la legge impone agli importi in contanti.

Ultimo aggiornamento: 20 Aprile, 10:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA