Condizionatori, auto, treno, lavoro agile: i consigli Ue per risparmiare sino a 450 euro l'anno

Sabato 23 Aprile 2022 di Simone Pierini
Bollette, sarà crisi energetica? Condizionatori, auto, viaggi, lavoro: i consigli Ue per risparmiare (sino a 450 euro)

Tagliare i consumi di energia per ridurre la dipendenza dalle forniture russe e sostenere l'Ucraina con le finanze familiari. È lo spirito del vademecum messo a punto dall'Agenzia internazionale dell'energia (Aie) in coordinamento con la Commissione europea, che mette in fila tutta una serie di suggerimenti pratici per i cittadini, dall'impatto importante: 450 euro in meno a bolletta all'anno per 220 milioni di barili di petrolio consumati in meno e 17 miliardi di metri cubi di gas, quanto serve per riscaldare almeno 20 milioni di case.

 

LA GUIDA COMPLETA AL RISPARMIO

 

 

 

 

1. Un grado di aria condizionata quanto incide sulla bolletta? 

La temperatura media di riscaldamento all'interno delle case dell'Unione Europea è superiore a 22 °C, ma molte potrebbero ospitare comodamente 19 °C o 20 °C. Abbassare il termostato di casa di appena 1 °C fa risparmiare circa il 7% dell'energia utilizzata per il riscaldamento. Per ogni grado in cui abbassi il riscaldamento in media, potresti tagliare più di 70 euro dalla bolletta energetica annuale. Se vivi in ​​un edificio con un sistema di riscaldamento centralizzato, puoi lavorare con i vicini e i gestori dell'edificio per esplorare la possibilità di abbassare la temperatura della caldaia comunale.

Impostare il tuo condizionatore d'aria a 1 °C più caldo potrebbe ridurre la quantità di elettricità utilizzata di quasi il 10% e farti risparmiare 20 euro all'anno. Puoi anche ridurre le temperature di riscaldamento e aria condizionata quando le stanze non sono in uso o regolare la temperatura in base al tipo di stanza (non è necessario avere la stessa temperatura in camera da letto e in bagno, ad esempio).

La regolazione del termostato non fa la differenza solo nelle case, ma in tutti i tipi di edifici: le aziende e le istituzioni pubbliche dovrebbero considerare l'applicazione di questa misura anche negli uffici.

 

 

 

 

2. Come regolare la caldaia?

In molte case e luoghi di lavoro, le impostazioni predefinite delle caldaie possono spesso essere regolate per aumentare l'efficienza e risparmiare fino all'8% dell'energia utilizzata per riscaldare ambienti e acqua se si dispone di una caldaia a condensazione. Una corretta installazione della caldaia potrebbe far risparmiare circa 100 euro all'anno. Se non sai come fare, consulta il manuale della tua caldaia o chiedi consiglio durante la manutenzione annuale della tua caldaia. 

 

 

 

 

3. Lo smart working fa davvero risparmiare?

Il pendolarismo rappresenta circa un quarto del petrolio utilizzato dalle auto nell'Unione europea e il tragitto medio in auto a senso unico è di circa 15 chilometri. Tuttavia, più di un terzo dei lavori nell'Unione europea potrebbe essere svolto da casa. Lo smart working dovrebbe essere incoraggiato dai datori di lavoro: ogni volta che lavori da casa, risparmi denaro ed eviti di bruciare carburante. Se il tuo lavoro lo consente, lavorare da casa tre giorni alla settimana potrebbe ridurre la bolletta del carburante di circa 35 euro al mese, anche tenendo conto dell'aumento del consumo di energia a casa.

 

 

 

 

4. Come, quando (e quanto) usare l'auto? 

La maggior parte dei viaggi in auto nell'Unione Europea vengono effettuati con un solo occupante. Condividere i tuoi viaggi in auto con vicini, amici o colleghi fa risparmiare carburante e denaro. Anche l'impostazione dell'aria condizionata della tua auto a 3 °C più calda migliorerà immediatamente il risparmio di carburante dell'auto. Queste azioni combinate potrebbero far risparmiare alla tua famiglia circa 100 euro all'anno.

 

 

 

 

5. Guidare piano mi fa risparmiare? 

Guidare troppo veloce è inefficiente per il motore dell'auto e spreca carburante. L'auto media nell'Unione europea percorre circa 13.000 chilometri all'anno. Riducendo di 10 chilometri all'ora la velocità di crociera media in autostrada, è possibile ridurre la bolletta del carburante domestico di circa 60 euro all'anno.

 

 

 

 

6. La domenica a piedi fa davvero la differenza?

Le città dovrebbero promuovere le domeniche senza auto e farle spesso. Le domeniche senza auto sono già un appuntamento fisso in molti paesi e città. Bruxelles, Edimburgo, Milano, Parigi li hanno tutti utilizzati per promuovere la salute pubblica, spazi orientati alla comunità ed eventi culturali. Più di 3.000 paesi e città si sono iscritte alla Settimana europea della mobilità nel 2021, che includeva l'impegno per una giornata senza auto. Se vivi in ​​una grande città, lasciare l'auto a casa ogni domenica potrebbe far risparmiare alla tua famiglia 100 euro all'anno.  

 

 

 

 

7. In bici o a piedi, vale davvero la pena?

Lasciare l'auto a casa per brevi tragitti, soprattutto se si tratta di un'auto di grandi dimensioni, consente di risparmiare una notevole quantità di carburante. In media, circa un terzo dei viaggi in auto nell'Unione europea è inferiore a 3 chilometri. Utilizzando altri mezzi di trasporto, aiuterai a ridurre l'inquinamento atmosferico e la congestione nella tua zona e potenzialmente a migliorare la tua salute. E puoi risparmiare denaro - oltre 55 euro per nucleo familiare all'anno potenzialmente - camminando, andando in bicicletta o utilizzando la micromobilità (come uno scooter elettrico) per brevi tragitti. Quattordici paesi dell'UE hanno almeno un incentivo fiscale o un sussidio all'acquisto per biciclette o biciclette elettriche.

 

 

 

 

8. Mi conviene prendere i mezzi pubblici?

Se puoi recarti al lavoro con i mezzi pubblici anziché guidare la tua auto, vale la pena farlo per ridurre il consumo di olio. La capacità inutilizzata sui trasporti pubblici durante i periodi di punta varia a seconda del sistema, del paese e della città. Tuttavia, di solito c'è una capacità inutilizzata nei periodi non di punta che può essere utilizzata per "allargare" il picco se i datori di lavoro consentono orari di lavoro flessibili. Le autorità pubbliche possono svolgere un ruolo importante attraverso incentivi temporanei per ridurre le tariffe degli autobus pubblici, delle metropolitane e della metropolitana leggera. 

 

 

 

 

9. Viaggi: meglio l'aereo o il treno?

Per distanze inferiori a 1 000 km, i treni ad alta velocità rappresentano un sostituto di alta qualità del volo. Considera di prendere un treno piuttosto che un aereo ogni volta che è pratico e conveniente. I datori di lavoro dovrebbero incoraggiare i viaggi in treno invece dei voli a corto raggio per i viaggi di lavoro dei dipendenti o promuovere riunioni virtuali invece di viaggiare. I treni notturni sono un'opzione per viaggiare su distanze ancora più lunghe e hanno il vantaggio di distribuire il traffico in diversi momenti della giornata. Sulla base dell'infrastruttura ferroviaria ad alta velocità esistente, poco meno del 5% dei viaggi in aereo nell'Unione europea potrebbe invece essere effettuato in treno, compresi i viaggi di piacere e di lavoro. 

 

 

 

 

Il riepilogo

Si parte con il riscaldamento: la media delle temperature nelle abitazioni Ue è di oltre i 22°C. Abbassare il termostato di solo un grado potrebbe bastare a tagliare del 7% l'energia per il riscaldamento. Nella bolletta si tradurrebbe in un risparmio di 70 euro all'anno ogni grado in meno.

 

Poi c'è l'aria condizionata: alzarla di un grado riduce i consumi elettrici del 10%, con risparmi medi di 20 euro l'anno. Solo riportare la caldaia alle impostazioni di base consente di risparmiare fino all'8% in elettricità per 100 euro l'anno.

 

La gamma di comportamenti che si può cambiare è però più ampia: un quarto del carburante utilizzato nell'Unione europea è consumato nei trasferimenti da casa al lavoro e ritorno, dunque incoraggiando il telelavoro si riducono anche i consumi, di circa 35 euro al mese.

 

E poi il car pooling, ridurre l'aria condizionata in auto, lasciare a casa l'auto il fine settimana preferendo i trasporti pubblici, preferire il treno all'aereo, ma persino ridurre la velocità alla guida: solo 10 km/h in meno in autostrada tagliano i costi per la benzina di 60 euro l'anno.

 

Sull'efficienza energetica e le rinnovabili «dobbiamo aumentare la nostra ambizione», ha segnalato anche la ministra dell'Ambiente austriaca Leonore Gewessler, partecipando alla presentazione del vademecum. «Stiamo lavorando a un Piano di Risparmio Energetico nell'ambito di 'Re Power Eu' per garantire un'azione coordinata ed efficiente sul risparmio energetico nell'Ue», ha detto durante il dibattito la direttrice generale energia della Commissione europea Ditte Juul Jorgensen, sul piano che la Commissione presenterà il 18 maggio. Nel quadro normativo «molto c'è già», ha anche spiegato. Ma una cosa sono «i cambiamenti strutturali nell'efficienza energetica, altro è il risparmio energetico immediato». Bisogna guardare a quello che possono fare «tutti individualmente immediatamente per risparmiare energia» e senza aspettare interventi di legge.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA