Mondano e audace: il cappello Complit firmato Antinori con fibre in oro spopola al Royal Ascot

Giovedì 14 Novembre 2019
Montappone, mondano e audace: il cappello Complit firmato Antinori con fibre in oro spopola al Royal Ascot

MONTAPPONE - Quando un cappello è presente al Royal Ascot vuol dire che ha compiuto il salto di qualità. Può stare tra i migliori. E il marchio Complit il suo ingresso nella high society lo ha fatto da tempo. L’evento mondano e sportivo della durata di 5 giorni che si svolge annualmente nel Berkshire, con corse di cavalli e lussuosi eventi, rappresenta la più prestigiosa occasione per sfoggiare un cappello, anche il più audace e particolare. Chi lo indossa è un cultore del copricapo e ne ha apprezzato la qualità e l’estetica al momento dell’acquisto. Complit è il marchio di punta del gruppo di Montappone Complit-Apunis che fa capo ad Antinori, storica famiglia produttrice di cappelli fin dalla fine degli anni ’50, quando Mario Antinori si è messo per conto proprio avviando la fabbricazione dei cappelli in paglia. Nel 1967 ha fondato Graziella (marchio tuttora esistente e riservato al wholesale) che negli anni successivi si specializzò soprattutto sul mercato tedesco. 

LEGGI ANCHE:
Imprese delle Marche: le 500 big crescono ancora, ma la guerra dei dazi è un freno

Calzature: Eli di Croceri vola insieme a Liu Jo grazie anche a Chiara Ferragni

Negli anni ’90 arrivò in azienda il figlio Luigi Amedeo che, forte di una laurea in economia e commercio, rese il business dell’impresa più attuale, introducendo il concetto delle collezioni, anche per identificare il brand. Oggi, a distanza di quasi 30 anni, c’è un nuovo passaggio generazionale perché Luigi Amedeo è affiancato dai figli Mattia e Marco, rispettivamente 29 e 26 anni, forieri di nuovi cambiamenti e rinnovate strategie. Oggi il gruppo Complit-Apunis dà lavoro a 24 dipendenti, produce circa 300.000 cappelli l’anno per i marchi di proprietà Complit, Piccarda, Capocubo e Graziella, oltre ai marchi terzi. Piccarda è il marchio nato un paio di anni fa e rappresenta la porta di ingresso per chi vuole entrare nel favoloso mondo del cappello. Capocubo è il brand del kidswear mentre Complit è il marchio di punta e identifica la linea elegante di alta qualità. 
La produzione è made in Montappone e si contraddistingue per la scelta dei materiali pregiati. Il prezzo medio per un cappello Complit invernale è di circa 80-100 euro. Per l’estate 150-200 euro e può arrivare anche a superare i 500 euro per un prodotto a coda, con fibre in oro, destinato alla sposa. La quota export è dell’80% con Europa (Francia in particolare) e Giappone i mercati più importanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA