Banca del Fucino, Sri group allarga lo sguardo a Roma

Banca del Fucino, Sri group allarga lo sguardo a Roma
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 7 Settembre 2022, 14:27 - Ultimo aggiornamento: 8 Settembre, 10:21

È uno dei più recenti azionisti di Banca del Fucino, l’unico istituto romano a tutti gli effetti, dove è entrato in primavera sottoscrivendo in aumento di capitale il 9,9% con un investimento di circa 20 milioni.

«Ho raccolto l’invito di Francesco Maiolini, banchiere di cui apprezzo capacità e standing , dedicato con passione a fare di Banca del Fucino un caso di successo», spiega Giulio Gallazzi, uomo d’affari di 58 anni, bolognese e una vita spesa fra Londra e Milano, sposato e padre di due figli.

Gallazzi è il patron di Sri Group, società indipendente da lui fondata che opera nel settore del corporate investment banking con sede a Londra e uffici operativi a Milano, Bruxelles, Aix en Provence. L’investimento nell’istituto romano - specializzato nel lending alle pmi e ai professionisti attraverso una piattaforma digitale proprietaria, cartolarizzazioni e valorizzazioni di patrimoni immobiliari - oltre a spostare gli interessi di Gallazzi anche su Roma, sta molto a cuore all’imprenditore: «BdF con il suo modello di sviluppo legato al territorio, con un focus alle Pmi con soluzioni vincenti di corporate e private banking oltre a una forte innovazione digitale nei processi e nei servizi offerti, rappresenta una splendida opportunità. Inoltre il gruppo bancario giocherà un ruolo di primo piano nel grande processo di transizione energetica che dovrà concretizzarsi nel nostro paese attraverso la controllata Fucino Green che partecipa alla realizzazione di una delle principali piattaforme di energia rinnovabile nazionale». Quasi in contemporanea con la Fucino, l’uomo d’affari emiliano ha partecipato, assieme al fondo globale L Catterton, all’acquisizione del 60% di Etro, il marchio del lusso. Sri Group riunisce sotto la propria holding operativa 14 società controllate e consolidate organizzate in 2 aree di business. Gli investimenti proprietari di private equity, dove Sri Group assume con capitale proprio partecipazioni di controllo in settori di specifico interesse industriale oppure partecipazioni di minoranza (spiccano Fucino, Boato International, Etro e la piattaforma di telemedicina Entheos fondata da Beniamino Anselmi). E, seconda area di business, i temi di M&A e corporate finance advisory. Appassionato di sport equestri americani (cutting horses), Gallazzi ha un glorioso passato sportivo alle spalle nel Football Americano e oggi rappresenta una storia di successo imprenditoriale. La sua competenza lo ha portato negli ultimi 12 anni ad essere eletto fra i rappresentanti di punta nelle liste di minoranza degli investitori istituzionali riuniti in Assogestioni. Oggi siede nel cda di Mediaset. A livello di bilancio consolidato Sri Group fattura 31,2 milioni con un patrimonio netto di oltre 52 milioni.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA