Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lavoro, arriva l'assegno di ricollocazione:
pronte lettere per 25mila disoccupati

Lavoro, arriva l'assegno di ricollocazione: pronte lettere per 25mila disoccupati
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Febbraio 2017, 14:39 - Ultimo aggiornamento: 16:16
ROMA - Partiranno nei prossimi giorni le prime lettere indirizzate ai circa 25mila disoccupati da coinvolgere nella sperimentazione dell'assegno di ricollocazione, lo strumento che segna l'avvio concreto delle politiche attive per il lavoro. Lo comunica il ministero del Lavoro in una nota, precisando che questo è il risultato dell'accordo raggiunto nell'incontro di ieri pomeriggio tra ministero, Anpal (Agenzia nazionale politiche attive lavoro) e assessori regionali. 

Nel corso della riunione si è anche ribadita la volontà di proseguire l'impegno comune per lo sviluppo delle politiche attive per il lavoro ed il rafforzamento dei centri per l'impiego, attraverso la stipula di convenzioni che consentano di utilizzare le risorse destinate a questo scopo, dando seguito al rinnovo per il 2017, deciso nella Conferenza Stato-Regioni del 22 dicembre scorso, dell'accordo finalizzato a garantire la continuità dell'attività dei centri e ad avviare un piano congiunto di rafforzamento delle politiche attive per il lavoro, anche attraverso l'immissione di 1.000 unità aggiuntive di personale appositamente formato.

È stato inoltre affrontato il tema di come sviluppare una nuova fase dell'attuazione del programma Garanzia Giovani e sono state discusse le linee guida per l'attività del 2017. In particolare, è stato confermato l'impegno per realizzare un efficace sostegno all'alternanza scuola-lavoro, qualificare il sistema della formazione professionale e garantire un accompagnamento al lavoro dei giovani che concludono il loro ciclo di studi.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA