Inps: ecco che certificato serve
se si va al Pronto soccorso

Inps: ecco che certificato
serve se si va
al Pronto soccorso
Quale certificato va inviato all'Inps in caso di permanenza al Pronto soccorso ed eventualmente di ricovero? L'istituto previdenziale risponde con un suo messaggio interno ai dubbi in materia dei lavoratori interessati. La premessa è che
«è sempre più diffusa la casistica di permanenza di pazienti presso le unità operative di pronto soccorso, per trattamenti sanitari a seguito di accesso, di durata anche prolungata nel tempo (due o più giorni)». In alcuni ospedali per queste situazioni sono state istituite apposite strutture di degenza breve, in altri invece invece queste prestazioni avvengono in regime di pronto soccorso.

Vengono quindi distinte due tipi di situazioni: quelle che «richiedono ospitalità notturna del malato equiparabili, ai fini  previdenziali, ad un ricovero», per le quali il lavoratore dovrà appunto farsi rilasciare un certificato di ricovero; e quelle che «si esauriscono con dimissione del malato senza permanenza notturna» e vanno quindi trattate come un evento di malattia con relativo certificato. Per quanto riguarda la modalità di trasmissione, di norma è quella telematica; tuttavia nei residuali casi di invio cartaceo occorre verificare che la dicitura del certificato sia “prognosi riferita all’incapacità lavorativa” e non "prognosi clinica".
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 12 Marzo 2018, 14:16 - Ultimo aggiornamento: 12-03-2018 16:47

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO