Cna Industria: «Pronti a fermarci per il bene di tutti. Ma serve un grande patto sociale per il futuro»

Lunedì 23 Marzo 2020
Emanuela  Pulcinelli

ANCONA -  Coronavirus, Il messaggio di Cna Industria è forte e chiaro: la tutela della salute viene prima di tutto. Una scelta di responsabilità per gli industriali di Cna Ancona che porta con sé la profonda consapevolezza sia dell'importante crisi sanitaria che stiamo attraversando sia dell'ugualmente preoccupante baratro economico verso il quale l'intero territorio sta precipitando.

LEGGI ANCHE: WhatsApp a rischio per il Coronavirus. Zuckerberg choc: «I server rischiano di fondersi»

«La situazione è drammatica sotto ogni punto di vista - spiega Emanuela Pulcinelli, del comitato Cna Industria e membro della presidenza Cna Territoriale di Ancona -. Ma siamo consapevoli che senza questo stop si andrebbe al collasso del sistema tutto. Fermarsi due settimane ora per fermare questa emorragia di contagi e decessi, mettendo al primo posto il lavoro emergenziale per il Paese».
 
Una scelta importate che porta con sé pesanti conseguenze economiche. Ma necessaria. E lo sguardo non può che essere al domani. «La nostra responsabilità di imprenditori si carica ancora di maggiori oneri - continua l'imprenditrice - Il dopo sarà difficilissimo per tutti ma dobbiamo far sì che ci sia un domani. Occorrerà in fretta un grande lavoro per dar vita ad un nuovo grande patto sociale tra grandi e piccole imprese del territorio per incrementare il più velocemente possibile la ripresa».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA