Coronavirus, gli asintomatici positivi non potranno lavorare nemmeno in smart working

Venerdì 4 Settembre 2020
Coronavirus, gli asintomatici positivi non potranno lavorare nemmeno in smart working

Chi è asintomatico e positivo al covid non potrà lavorare in smart working. A delineare la situazione sono i decreti Cura Italia e Rilancio, poi convertiti in leggi, oltre al «messaggio» Inps 2584 del 24 giugno e al dpcm 7 agosto del 2020 che affermano che trattandosi di malattia implica l'obbligo a non lavorare.

LEGGI ANCHE:  Il re dei supermercati Gabrielli positivo al Covid: «Sono in quarantena ma sto bene»

A chiarire la questione a Il Corriere della Sera è  l’avvocato Cesare Pozzoli: «Il decreto Agosto ha stabilito che le persone di ritorno da vacanze in zone a rischio debbano stare in isolamento in attesa del tampone. Bene, anche questo isolamento è equiparato alla malattia quindi implica il divieto di lavorare». Secondo i recenti dati, sembra che a riguardare il decreto siano circa 10 mila persone in Italia. Si tratta di uomini e donne che hanno scoperto di essere positivi e sono stati messi in isolamento ma che pur non avendo i sintomi della malattia sono esenti dal lavoro da remoto.

 

Ultimo aggiornamento: 19:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA