Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alla conquista dei mercati
Cna lancia "Progetto Jimo"

Alla conquista dei mercati Cna lancia "Progetto Jimo"
2 Minuti di Lettura
Martedì 1 Ottobre 2013, 12:42 - Ultimo aggiornamento: 12:57
ANCONA - Internazionalizzare per combattere la crisi e per cogliere le opportunit - ancora tante - che l’estero riserva all’artigianato e alle piccole e medie imprese italiane.

Sempre attiva su questo fronte, la Cna, attraverso il suo servizio di internazionalizzazione per Pmi denominato Cna Export Box, ha presentato alle imprese della provincia di Ancona un ghiottissimo progetto, ricco di grandi vantaggi.



Si tratta del Progetto Jimo, che prende il nome dalla città in cui è localizzato, una città ingrosso che serve tutto il Nord della Cina ed è al secondo posto per scambi commerciali. Jimo ha la fortuna di trovarsi in una delle più ricche provincie costiere della Repubblica Popolare Cinese, quella dello Shandong, e di essere posizionata a pochi kilometri dalla città di Quingdao (o Tsingtao) importante porto commerciale, nonché base navale e centro industriale. Partner del Progetto Jimo sono la Sun Servizi (internazionalizzazione con la Cina) e Cna Export Box della provincia di Ancona.



“Nell’agosto 2014 – spiega Marzio Sorrentino, responsabile Cna Export Box - nascerà al centro della città di Jimo un centro commerciale internazionale di 300.000 mq distribuiti su 5 livelli: 100.000 mq saranno destinati a hotel e ristoranti mentre i restanti 200.000 mq ospiteranno i vari esercizi commerciali. Il progetto è di notevole importanza essendo destinato a prodotti internazionali per riuscire a coprire sia il mercato regionale-nazionale, sia l’interscambio commerciale con Corea del Sud e Giappone. I settori di interesse sono principalmente: moda, agroalimentare, oreficeria e oggetti di design o artigianato artistico. Grazie ai settori merceologici scelti l’Italia è stata subito coinvolta nel progetto e a marzo 2013 una delegazione italiana era già in visita nella città di Jimo”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA