Busta paga più pesante da domani, aumenti fino a 100 euro: le novità

Martedì 30 Giugno 2020
Busta paga più pesante da domani, aumenti fino a 100 euro: le novità

Addio al bonus Renzi, al suo posto entra in azione il taglio del cuneo fiscale. Una piccola, grande boccata di ossigeno per 16 milioni di lavoratori. Che da domani, 1 luglio, potranno contare su buste paga più pesanti: la riduzione del cuneo fiscale sugli stipendi dei dipendenti compresi tra 8.174 e 28 mila euro corrisponde a un aumento pari a 100 euro. Per gli altri lavoratori, purché con un reddito inferiore a 40 mila euro, è prevista una detrazione fiscale. La misura non interessa gli incapienti, con un reddito inferiore a 8.145 euro, soglia al di sotto della quale l’Irpef svanisce. Più nel dettaglio. Per chi già percepiva il credito Irpef di 80 euro, o bonus Renzi, che termina ora il suo ciclo di vita, il taglio del cuneo fiscale si tradurrà in realtà in un lieve aumento in busta paga di 20 euro al mese.

LEGGI ANCHE:

Sconosciuto prova ad aggredire una donna: vetrina di un negozio in frantumi, lei si ferisce e lui scappa

Ma per i lavoratori con redditi compresi tra 26 mila e 28 mila euro, precedentemente esclusi dalla platea dei beneficiari del bonus Renzi, il nuovo bonus rafforzato vale invece 600 euro di stipendio extra nel solo 2020 e 1.200 euro l'anno prossimo, dunque quasi duemila euro complessivi. Per i redditi di lavoro dipendente a partire da 28 mila euro è prevista invece una detrazione d'imposta, il cui importo è pari a 600 euro per i redditi pari a 28 mila euro e decresce fino ad azzerarsi al raggiungimento di un livello di reddito pari a 40 mila euro. L'agevolazione è temporanea, dal momento che si punta a una revisione strutturale del sistema delle detrazioni, e ha validità fino al 31 dicembre di quest'anno.
 

 

Busta paga e cuneo fiscale, stanziati 8 miliardi di euro

Risultato: per circa 11 milioni di lavoratori i vecchi 80 euro arriveranno a 100. La riduzione del cuneo fiscale ha trovato spazio nelll'ultima legge di Bilancio. Per coprire il 2020 il governo ha stanziato 3 miliardi di euro e 5 miliardi per il 2021. Ed è stato previsto anche il raddoppio delle rate (da 4 a 8) per le eventuali restituzioni del nuovo bonus rafforzato. Così il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri: «Si tratta di un taglio significativo delle tasse, di oltre 7 miliardi l’anno a regime». I Cinquestelle intanto guardano alla futura riforma fiscale. «Il taglio del cuneo fiscale, effettivo dal primo luglio, non sarà la rivoluzione, ma è sicuramente un importante passo avanti», ha spiegato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.
 

Ultimo aggiornamento: 21:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA