Amazon, sciopero immediato: sindacalisti
bloccati ai cancelli, polizia in azienda

Amazon, sciopero immediato:
sindacalisti bloccati
ai cancelli, polizia in azienda
Sciopero dei dipendenti Amazon indetto dai sindacati dopo che l'azienda non si è presentata al tavolo convocato dal prefetto di Piacenza. Lo sciopero della durata di due ore è stato convocato a fine turno ed è stato organizzato un presidio davanti ai cancelli.
La Cgil riferisce che l'azienda non voleva far entrare i sindacati per tenere le assemblee già programmate che si sono potute tenere solo dopo l'intervento di polizia e carabinieri che hanno accompagnato i sindacalisti nello stabilimento di Amazon. 

LEGGI ANCHE ---> I pacchi Amazon con i regali di Natale non arrivavano: scoperto il motivo



Stamattina  Amazon non si è presentata all'incontro previsto alle 8.30 con i rappresentanti dei lavoratori del centro logistico di Castelsangiovanni, che chiedevano nuove condizioni contrattuali e di lavoro all'interno dello stabilimento. «Troppa pressione», hanno fatto sapere al prefetto i dirigenti Amazon, probabilmente anche per l'annunciata presenza di un presidio di lavoratori davanti alla Prefettura (che però è stato annullato). 



«Il confronto è uno strumento di democrazia ed è indice di intelligenza sociale, cosa di cui evidentemente Amazon è sprovvista». Così Paolo Capone, segretario generale dell'Ugl, in merito al mancato incontro di oggi tra il colosso mondiale dell'e-commerce e le parti sociali. «Se i vertici della multinazionale si sentono 'sotto pressione' tanto da evitare vigliaccamente un incontro con i sindacati, che poteva essere risolutivo, di sicuro si va ulteriormente a inasprire il rapporto con i propri dipendenti, già ampiamente compromesso. Pertanto, chiediamo risposte concrete dall'azienda, volte a rivedere gli obblighi contrattuali dei suoi lavoratori. E se questo vuol dire iniziare a scioperare, anche sotto le festività, l'Ugl sarà al fianco dei dipendenti per salvare e tutelare la loro dignità con l'obiettivo di ottenere delle condizioni di lavoro più umane. Sosteniamo tutti insieme e con forza la campagna social lanciata dall'Ugl 'Anche no! Tu sfrutti, io non compro!' per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle condizioni di sfruttamento a cui sono sottoposti i dipendenti Amazon».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

MercoledƬ 20 Dicembre 2017, 15:46 - Ultimo aggiornamento: 20-12-2017 16:28

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO