Maltempo, l'Italia nella morsa del gelo
Nevicate fino in Toscana, pioggia nel Lazio

Martedì 28 Gennaio 2014
Maltempo, l'Italia nella morsa del gelo Nevicate fino in Toscana, pioggia nel Lazio

ROMA - Dalla mattina di domani in arrivo nevicate su Liguria, Piemonte, Lombardia e Toscana settentrionale, con quota neve inizialmente al di sopra dei 200-400 metri, che si abbasserà progressivamente arrivando localmente a quote di pianura. Su Sardegna e Lazio precipitazioni sparse, anche temporali, con possibili rovesci di forte intensità e forti raffiche di vento. Lo indica un avviso meteo della Protezione civile. Sulla base dei fenomeni previsti e a causa degli effetti delle precipitazioni dei giorni scorsi e di quelle in atto, per la giornata di domani è stata valutata criticità 'gialla' per rischio idrogeologico sulle regioni centrali, sulla Sardegna, sulla Liguria, su parte dell'Emilia e delle Marche, nonchè sula Sicilia settentrionale.

Le valutazioni di criticità idrogeologica (su tre livelli: rossa, arancione e gialla), ricorda la Protezione civile, possono includere una serie di danni sul territorio. In particolare, la criticità 'gialla' indica la possibilità di danni localizzati a infrastrutture ed edifici interessati da frane o dallo scorrimento superficiale delle acque; localizzati allagamenti di locali interrati e al piano terreno; localizzate e temporanee interruzioni della viabilità in prossimità di piccoli impluvi, canali, sottopassi, tunnel, avvallamenti stradali; possibili danni alle coperture a causa di forti raffiche di vento o possibili trombe d'aria; rottura di rami, caduta di alberi e abbattimento di pali, segnaletica e impalcature.

L'accoglienza dei senza-tetto.«Questi sono i giorni più freddi e impegnativi dell'anno: è il momento di massimo impegno dei nostri uffici perchè i più fragili, i senza fissa dimora stanno attraversando un momento di grande difficoltà». È quanto dice l'assessore al Sostegno Sociale di Roma capitale, Rita Cutini. «Il problema è che il sistema dell'accoglienza a Roma è storicamente e cronicamente sottodimensionato rispetto alle esigenze della città, in pratica siamo sempre in affanno - continua Cutini - faccio solo un esempio: Milano per l'accoglienza ha 2700 posti tra ordinari e straordinari (quelli messi a disposizione per il freddo), Roma che in via di principio ne dovrebbe avere il triplo, ne ha solo 2500, ce ne vorrebbero almeno il doppio». L'assessore sottolinea che «da quando ci siamo insediati abbiamo messo nel bilancio 2013 un milione di euro in più rispetto al 2012 sul tema dell'accoglienza per i senza fissa dimora e abbiamo creato 300 nuovi posti puntato anche sulla qualità. Ma non basta, dobbiamo fare di più e in tempi brevi dobbiamo raggiungere la cifra dei 5000 posti per l'emergenza freddo. Dal 25 novembre ad oggi abbiamo avuto 632 nuove persone che hanno preso contatto con la nostra sala operativa sociale e sono state seguite. Abbiamo perfezionato nello stesso periodo 1247 accoglienze tra ordinarie e straordinarie. Siamo dentro un percorso per cercare di rispondere a questo sottodimensionamento storico. Io non dico di accogliere tutti - conclude Cutini - ma io credo che l'accoglienza vada dimensionata. È come dire che Roma ha un vestito troppo stretto rispetto alle sue esigenze, dobbiamo aumentare qualche taglia per metterla in linea almeno con le altre città».

Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio, 13:14