Yara, la madre di Bossetti intercettata
"Sapeva del Dna, aveva capito"

Ester Arzuffi
Ester Arzuffi
2 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Giugno 2014, 12:19 - Ultimo aggiornamento: 24 Giugno, 11:14

BERGAMO - Continuano a emergere indiscrezioni sulle indagini che hanno portato all'arresto di Massimo Giuseppe Bossetti.

Sembra che la madre Ester avesse capito che il figlio era coinvolto.

Le indiscrezioni di un investigatore, raccolte dall'inviato di News Mediaset Enrico Fedocci, quindi, chiariscono i motivi per cui le forze dell'ordine sono arrivate a Massimo così a colpo sicuro.

Dopo un colloquio con gli inquirenti la donna aveva cominciato a sospettare che il Dna trovato sul corpo di Yara Gambirasio fosse del figlio e quindi si era confrontata con lui al telefono per accordarsi sul da farsi. I loro cellulari però erano sotto intercettazione.

La reazione di Bossetti ha spinto gli inquirenti a puntare su di lui. Ester aveva conosciuto Guerinoni, ma il profilo tracciato dai genetisti apparteneva a un uomo tra i 40 e i 45 anni e quindi sia Massimo che il fratello 39enne erano sospettabili. Dalle intercettazioni sembra sia emerso inoltre che Bossetti sapesse di essere un figlio illegittimo.

Quando gli investigatori hanno capito che Massimo Giuseppe Bossetti sapeva che stavano per arrivare a lui lo hanno fermato, a questo punto il magistrato ha chiesto la custodia cautelare in carcere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA