Zona rossa e arancione, nuovo decreto Covid: stop spostamenti e colori, ipotesi proroga divieti a fine aprile. Nodo scuola

Giovedì 25 Marzo 2021 di Francesco Malfetano
Nuovo decreto Covid, stop spostamenti e zona rossa e arancione: ipotesi proroga divieti a fine aprile. Nodo scuola

A poco più di due settimane dalla scadenza del decreto attualmente in vigore (valido fino al 6 aprile), il governo sta iniziando ad impostare il nuovo provvedimento da mettere in campo subito dopo Pasqua per contenere la diffusione del Sars-Cov-2. Per ora non vi è ancora alcuna posizione ufficiale ma stanno iniziando le interlocuzioni sul tema. Tant'è che ieri c'è stata una prima cabina di regia a cui hanno preso parte il premier Mario Draghi e il ministro della Salute Roberto Speranza proprio per conoscere a fondo la situazione epidemiologica attuale e vagliare il da farsi. «Nessuna decisione è stata assunta in questo momento - ha infatti specificato Speranza - ci confronteremo nei prossimi giorni e prenderemo le decisioni. Oggi abbiamo analizzato la curva ma non abbiamo discusso di misure e non c’è alcuna decisione che va in questa direzione».

 

Proroga delle restrizioni

Al di là della voglia di riaperture e delle dichiarazioni di intenti di alcune parti politiche, l'ipotesi che in questo momento sembra essere più concreta sul tavolo riguarda una sostanziale proroga dello status quo. In pratica si starebbe ragionando sull'opportunità di prolungare - sempre attraverso un nuovo decreto legge - le restrizioni oggi in vigore, per cui anche l'inesistenza de facto della zona gialla e il divieto di spostamento tra Regioni (oltre alla soglia che fa scattare la zona rossa per 250 casi ogni 100mila abitanti). Non è chiaro però fino a quando.

 

LEGGI ANCHE

Record di ricoverati a Pesaro, la curva dei contagi non scende. E c'è anche la variante di New York: 2 positivi

LEGGI ANCHE

Trattata la prima paziente con anticorpi monoclonali, la terapia anti-Covid al Mazzoni di Ascoli

 

Se fino ad oggi l'opzione più probabile appariva quella della mini-proroga, ovvero di prolungamento di soli 7 o 10 giorni (fino al 15 aprile più o meno), sembra ora prendere quota l'opzione di un rinvio più corposo. La nuova data di scadenza del decreto sarebbe quindi fissata attorno alla fine di aprile o addirittura per i primi giorni di maggio. Come detto però, per l'ultima parola bisognerà aspettare ancora qualche giorno. La decisione finale infatti, non verrà presa prima della prossima settimana in modo da poter intrepretare al meglio le inidicazioni di una prima stabilizzazione del contagio che stanno arrivando da diverse regioni. 

 

Nodo scuola

Oltre alla data effettiva in cui le nuove misure sarebbero messe in campo il nodo maggiore da sciogliere sembra essere ancora quello legato alla scuola. Il governo non ha mai nascosto di voler tenere gli istituti scolastici aperti, e questa sembrerebbe essere anche la posizione attuale. Tant'è che a differenza del decreto oggi in vigore, dal 6 aprile le scuole potrebbero essere riaperte ma solo fino alla prima media. In pratica si permetterebbe di tornare in aula esclusivamente ai più piccoli (asili nido, scuole dell'infanzia e scuola primaria). Una scelta sacrosanta, quella di aprire prima di ogni cosa le scuole, che però contestualmente indica la volontà di spingere più in là le agognate riaperture.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA