Zona rossa, nuovo decreto Draghi. «Il virus muta, dati trioppo alti. Verso chiusure sino a maggio»

Lunedì 29 Marzo 2021 di Lorenzo De Cicco e Mauro Evangelisti
Zona rossa, nuovo decreto Draghi. «Verso chiusure sino a maggio, dati troppo alti»

Raggiungeremo una zona di sicurezza sul fronte dei contagi solo a maggio, quando sarà possibile ripristinare la fascia gialla per le Regioni. La riapertura delle scuole prevista dopo Pasqua presenterà comunque un conto sul fronte epidemiologico. E le varianti, sempre più aggressive e veloci nella diffusione, non lasciano alternative. La carica virale degli ammalati, anche per l’effetto delle mutazioni del Covid, è diventata molto più alta. Fino a raddoppiare. Lo spiega bene un’analisi delle Uscar, le unità speciali dei tamponi del Lazio, che attraverso 27 medici “sentinella” ha rilevato e studiato la «concentrazione antigenica» con i tamponi quantitativi. Risultato: se fino a novembre la carica virale, la contagiosità, era di media al livello 40, ora, spiega Pier Luigi Bartoletti, il responsabile delle Uscar, «è il doppio, poco sotto 100. Ma abbiamo registrato anche pazienti oltre quota 120».

 

Coronavirus, 232 nuovi positivi nelle Marche, ma crollano i tamponi: infetto uno su tre/ La mappa del contagio

 

 

Il modulo per l'autodichiarazione ----> scarica il Pdf

 

Il pressing

 

Contagiata dal Covid dieci mesi dopo la prima volta: lo studio Crisanti conferma. E ci sarebbero altri casi

 

Il centrodestra preme per le riaperture. Forza Italia, in particolare il capogruppo alla Camera, Roberto Occhiuto, premette che i numeri sono ancora drammatici, ma dice che «il prossimo decreto del governo dovrà prevedere una sorta di tagliando da fare a metà aprile, che magari, con numeri meno drammatici, possa portare a qualche mirata riapertura». Salvini e la Lega negli ultimi giorni spingono perché ad aprile si riapra. Draghi ha deciso di affidarsi ai numeri, senza azzardi.

Questo lo scenario di partenza, ma oggi cosa prevedono le simulazioni? Partiamo proprio da ieri: quasi 20.000 nuovi casi positivi anche la domenica, malgrado la flessione dei tamponi nel fine settimana. La diminuzione degli infetti è appena percettibile rispetto a sette giorni prima. E l’obiettivo dei 50 casi ogni 100mila abitanti su base settimanale, indicato dagli esperti come la vera zona di sicurezza, appare lontanissimo, visto che nell’ultimo report il dato nazionale è stato quasi cinque volte più alto. Ultimo tassello: abbiamo l’ennesimo incremento dei posti letto.

Le analisi dei numeri che circolano sia al Ministero della Salute sia alla cabina di regia sia al Cts arrivano tutte alle stesse conclusioni: pensare di riaprire oggi, ripristinando il colore giallo, significherebbe disperdere gli effetti dei sacrifici fatti. Per prevedere l’andamento dei contagi, gli scienziati guardano all’esperienza del 2020. Allora, per cessare il lockdown, fu necessario attendere maggio ma oggi vi sono elementi nuovi, alcuni giocano a nostro favore, altri no. In questa primavera 2021 abbiamo un’arma in più che si chiama vaccini, sono state eseguite oltre 9 milioni di somministrazioni. E rispetto a un anno fa ci sono 3,2 milioni di italiani che sono già stati positivi: i casi di reinfezione esistono, ma per fortuna non sono frequenti. Ci sono però anche fattori che non aiutano: nel 2020 anche in primavera le scuole restarono chiuse, dopo Pasqua elementari e prime medie riaprono anche nelle regioni in fascia rossa, significa molte più persone in giro e molte più occasioni per il virus di circolare.

 

Vaccino anti-Covid, via alle prenotazioni per la fascia 70-79 anni. Ecco da che ora e come si fa


Come ci hanno già mostrato, drammaticamente, i precedenti di Regno Unito, Francia e Germania, le varianti hanno peggiorato il quadro rispetto a un anno fa. L’inglese, in particolare, ha una velocità di trasmissione superiore al 30 per cento rispetto a quella originaria. Una delle ipotesi di lavoro degli studiosi è che questa variante contagi di più anche perché la positività dura più a lungo e dunque ci sono più giorni a disposizione per trasmettere il virus. Vi sono Regioni, a partire dall’Abruzzo e dall’Umbria (dove è forte anche la presenza della variante brasiliana) che l’hanno già vissuta sulla propria pelle.

 

Come riaprono le scuole nelle Marche dopo Pasqua? L'assessore: «Rientro in classe con il tracciamento»

I dati

 

La mutazione inglese è da almeno un mese la prevalente. Oggi saranno pubblicati gli ultimi dati del survey del Ministero della Salute sulla diffusione delle varianti. Già il precedente uscito a inizio marzo, diceva che «la prevalenza della cosiddetta variante inglese del virus Sars-CoV-2 era del 54,0 per cento, con valori oscillanti tra le singole regioni tra lo 0 e il 93,3, mentre per quella brasiliana era del 4,3 per cento (0-36,2) e per la “sudafricana” dello 0,4 per cento (0-2,9)». I dati in elaborazione diranno che la variante inglese ormai rappresenta il 70-80 per cento dei positivi trovati in Italia. Ricordiamolo sempre: non aggira il vaccino, ma secondo l’esperienza britannica contagia più facilmente i minori (per fortuna senza malattia) e questo rende più insidiosa la riapertura delle scuole.
Il Lazio è la prima regione che con le Uscar e i medici “sentinella” del territorio ha analizzato le carica virale con i test quantitativi. Non è quindi detto che il Lazio viva la situazione peggiore, «siamo gli unici che l’hanno analizzata - riprende il responsabile delle unità, Bartoletti - Oltre alla carica virale raddoppiata, sono cambiati anche i sintomi: sempre meno pazienti perdono olfatto e gusto, pochissimi ormai hanno la congiuntivite, mentre aumentano i positivi con nausea e mal di gola».
 

Covid, in arrivo 3 milioni di vaccini entro Pasqua

 

 

Ultimo aggiornamento: 13:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento