Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ferma l'auto in A14 a Rimini, picchia la compagna abruzzese e le getta i bagagli nella scarpata dell'autostrada: arrestato

Ferma l'auto in A14 a Rimini, picchia la compagna abruzzese e le getta i bagagli nella scarpata dell'autostrada: arrestato
Ferma l'auto in A14 a Rimini, picchia la compagna abruzzese e le getta i bagagli nella scarpata dell'autostrada: arrestato
di Gianluca Murgia
2 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Agosto 2022, 12:47 - Ultimo aggiornamento: 12:51

RIMINI - Ha aggredito la compagna dopo aver fermato l'auto lungo la corsia di emmergenza dell'autostrada A/14 nei pressi dello svincolo di Rimini Sud: un 31enne è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate. Il fatto è accaduto alcune notti fa. A dare l'allarme è stata la donna, 32 anni, originaria dell'Abruzzo, tramite una chiamata alla Centrale Operativa Autostradale di Bologna. Aveva la voce rotta dalla paura, ha spiegato di essere rimasta  a piedi con l'auto e di essere stata aggredita dal compagno con cui stava viaggiando. I due si trovavano a Rimini per lavoro.

L'intervento della polizia

A quel punto si è azionata una pattuglia della Sottosezione di Forlì: un intervento fondamentale visto che l'aggressione stava proseguendo sulla corsia d'emergenza in zona piuttosto buia. Alla vista della polizia la donna è corsa verso gli agenti. I suoi bagagli erano stati gettati nella scarpata. Aveva lividi nelle gambe, sul volto, sulle braccia e un taglio nel torace (provato da una scheggia di vetro di una bottiglia di vetro che l'uomo aveva rotto facendola cadere per terra). L'uomo era in possesso di un coltello di 10 centimetri (poi sequestrato). Come poi ricostruito la donna subiva l'uomo da diversi mesi tra angherie e violenze psicofisiche. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA