Letti a castello per viaggiare in aereo? Air New Zealand, idea rivoluzionaria. Ecco da quando

L'intento è promuovere il più possibile i voli a lunghissimo raggio mostrandone la comodità

Viaggiare in aereo su letti a castello? L'idea rivoluzionaria di Air New Zealand, ecco come funzionerà
Viaggiare in aereo su letti a castello? L'idea rivoluzionaria di Air New Zealand, ecco come funzionerà
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Giugno 2022, 11:27

La novità sta già facendo il giro del mondo tra gli appassionati viaggiatori. Air New Zealand consentirà presto ai suoi passeggeri in economy di sdraiarsi e fare un pisolino in piccole celle comuni in stile letto a castello che verranno installate sui suoi aerei. L'intento è di attirare i passeggeri sui suoi voli a lunghissimo raggio di oltre 17 ore.

Si tratta di una novità mondiale assoluta e le prime cabine dovrebbero essere installate entro il 2024, ai passeggeri premium mentre ai regular economy verranno ancora venduti sedili tradizionali. Tuttavia, questi passeggeri potranno prenotare sessioni di quattro ore nelle celle per dormire sdraiati. La compagnia aerea ha chiamato le celle "Skynest".  Le capsule avranno materasso e lenzuola – che verranno cambiate dal personale di bordo dopo ogni prenotazione – e saranno impilate una sopra l'altra per sfruttare l'altezza della cabina. Cinque sedili Economy saranno rimossi per fare spazio all'installazione di sei pod Skynest su otto Boeing 787-9 Dreamliner che Air New Zealand riceverà a partire dalla fine del 2024. I dormitori non saranno disponibili per il lancio dei voli diretti di Air New Zealand tra Auckland e New York questo settembre, una rotta che dovrebbe superare le 17 ore. La compagnia aerea riprenderà anche il suo servizio da Auckland a Chicago in ottobre.

Una portavoce di Air New Zealand ha detto al Guardian che, sebbene il costo della prenotazione per una sessione di quattro ore in uno dei letti non sia stato ancora determinato, sarà aperto solo ai passeggeri regolari e premium economy. I passeggeri potranno prenotare solo una sessione in un pod per volo, poiché si prevede che la domanda degli oltre 200 posti in tutta la cabina economica sarà molto alta.

Leanne Geraghty, chief customer e sales officer della compagnia aerea, ha dichiarato: "La ricerca ci mostra che la prima notte fuori casa è la più difficile per dormire bene la notte, quindi tutto ciò che facciamo a bordo serve a creare un senso di calma, dall'illuminazione e rituale del sonno che include tè e balsami assonnati, scelte alimentari più sane e tessuti traspiranti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA