Vegana porta i vicini in tribunale
«Stop ai barbecue, l’aria è irrespirabile»

Martedì 3 Settembre 2019 di Alix Amer
Vegana porta i vicini in tribunale: «Stop ai barbecue, l aria è irrespirabile»

Una donna, vegana, ha portato i suoi vicini di casa in tribunale, sostenendo che hanno deliberatamente diffuso odori di carne e pesce nel suo cortile con continue grigliate e barbecue. La massaggiatrice Cilla Carden di Girrawheen, a nord di Perth, Australia, è finita in una battaglia (senza esclusione di colpi) con Toan Vu, che vive nella porta accanto con moglie e figli, dalla fine del 2018. La donna racconta di non poter uscire e godersi il proprio giardino perché tutto quello che riesce a sentire è l’odore di carne o pesce alla griglia. Tra le tante lamentele segnalate dalla Carden c’è anche quella del fumo di sigaretta, i palloni da basket nel recinto condiviso che sbattono sui muri a tutte le ore del giorno.

Secondo i documenti visti da Daily Mail Australia, la donna avrebbe anche chiesto a Mr e Mrs Vu di controllare le erbacce nel loro giardino, ridipingere le recinzioni comuni e rimborsare il costo delle piante danneggiate sulla proprietà comune. Le richieste della Carden sono state ascoltate in un tribunale nel gennaio di quest’anno - ma il giudice le ha respinte tutte.


Non contenta ha quindi chiesto alla Corte suprema il diritto di presentare ricorso contro la decisione ed è stata respinta anche questa a luglio. Ma ha promesso di continuare a combattere. La Carden ha riferito a 9 News che gli odori del barbecue erano devastanti. «L’hanno messo lì, quindi sento l’odore del pesce, tutto ciò che sento pesce. Non posso godermi il mio cortile, non posso andare là fuori, l’aria è irrespirabile», ha detto. Il vicino Vu ha dichiarato di aver rimosso il suo barbecue dal cortile e di aver proibito ai suoi bambini di giocare a basket.
 



Il tribunale ha sentito che la Carden e Vu avevano raggiunto un accordo stragiudiziale sulla questione del barbecue. «Il richiedente ha raggiunto un accordo con il signor Vu secondo cui posizionare il suo barbecue sull’Unità B oltre all’Unità C della Carmen, più vicino all’unità 18A, è accettabile per il richiedente», si legge in un documento giudiziario.
Per quanto riguarda il rumore, il tribunale ha affermato che la famiglia Vu non ha fatto abbastanza per renderli fastidiosi e che nessun altro vicino si era lamentato. «Quello che stanno facendo è vivere nel loro cortile e nella loro casa come famiglia», ha stabilito il tribunale. La donna ha portato in aula anche un altro vicino, ma ancora una volta, queste richieste sono state respinte dal tribunale. 

Ultimo aggiornamento: 19:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA