Vaccino Covid ai bambini, i dati dagli Usa: «Solo otto miocarditi su 7 milioni di dosi»

Venerdì 17 Dicembre 2021
Vaccino Covid ai bambini, i dati dagli Usa: «Solo otto miocarditi su 7 milioni di dosi»

Il vaccino anti Covid ai bambini è davvero sicuro? Dai primi dati provenienti dagli Usa, il primo Paese a vaccinare i piccoli tra i 5 e gli 11 anni, sembrerebbe proprio di sì. I dati arrivano dal meeting dell'Advisory Committee on Immunization Practices (Acip) dei CDC americani: rilevati solo 8 casi di miocardite su 7.141.428 milioni di dosi somministrate in bambini al di sotto degli 11 anni.

LEGGI ANCHE 

Covid, sono 682 i nuovi contagi. Marche verso la zona gialla. Preoccupante aumento nei bambini 0-2 e 5-10 anni. Province, ecco dove il virus corre di più

LEGGI ANCHE 

Tamponi ai vaccinati, esperti divisi. Pregliasco: «C'è Omicron». Bassetti: «Si sconfessa il Green pass»

Nel complesso, il rapporto ha riportato sintomi lievi (febbricola, mal di testa, nausea o vomito), che insorgono nella maggior parte dei casi il giorno stesso della vaccinazione e più spesso dopo la seconda dose. Meno di 1 bambino su 10 ha disturbi tali da non dover andare a scuola il giorno seguente e circa l'1% ha dovuto rivolgersi al proprio medico.

 

Vaccino, gli effetti avversi nei bambini

 

Nel complesso il 97% delle segnalazioni riportate sono definite lievi. Tra quelle considerate severe, il sistema di sorveglianza americano ha rilevato 8 casi di miocardite, l'effetto collaterale dei vaccini a mRNA che più ha attirato l'attenzione negli ultimi mesi. In tutti i casi si è trattato di forme non gravi: 5 si sono già risolti, 1 è in via di risoluzione, sugli altri due si è in attesa di maggiori informazioni. I CDC stanno ancora indagando su altri 6 casi di sintomatologia potenzialmente compatibili con la miocardite.

 

Dal report non emergono effetti collaterali diversi da quelli che erano stati riscontrati nelle sperimentazioni cliniche. Il rapporto ha riportato anche il caso di due decessi successivi alla vaccinazione, ma il nesso con il vaccino non è stato dimostrato. Si trattava di due bambine di 5 e 6 con «storia medica complessa», spiega il rapporto, entrambe affette da paralisi cerebrale spastica complicata da ulteriori patologie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA