Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Trieste, schiava dello zio: ragazzina
drogata e violentata per un anno

Trieste, schiava dello zio: ragazzina drogata e violentata per un anno
1 Minuto di Lettura
Sabato 21 Novembre 2015, 01:20 - Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre, 20:04
TRIESTE - Un incubo durato circa un anno. Un anno di abusi continui ricevuti dal convivente della zia: un cittadino marocchino all'epoca dei fatti (era il 2010) 33enne.
La ragazzina che frequentava il Liceo Petrarca ne aveva solo 16. Lui si faceva chiamare Alì e l'aspettava fuori di scuola. Il pm Massimo De Bortoli è in procinto di chiederne il rinvio a giudizio con l'accusa di violenza sessuale.
Una vera e propria ossessione quella che l'uomo provava per la giovane, ogni volta che la casa era libera o lui era ubriaco abusava di lei nonostante i tentativi della nipote di allontanarlo. Ma lo zio acquisito faceva di più: costringeva la ragazzina a fumare della droga prima di violentarla. L'atteggiamento nei confronti della minorenne era possessivo: non poteva uscire con le amiche né da sola con la mamma e la zia. Ha persino minacciato di picchiare il fidanzato della nipote.

A febbraio del 2011, la giovane ha denunciato l'uomo e da lì sono scattate le indagini della Procura. Il pm lo accusa anche di essersi fatto consegnare il bancomat della madre della ragazzina sotto minaccia e picchiandola.
E.B.
© RIPRODUZIONE RISERVATA