Violenta la figlia di 2 anni: muto
davanti al giudice che lo interroga

Violenta la figlia di 2 anni
e rimane  muto davanti
al giudice che lo interroga
TREVISO - Muto. Davanti al giudice di Treviso che ieri lo ha interrogato per rogatoria nel carcere di Santa Bona, l'artigiano di 46 anni accusato di aver abusato della figlia di 2 per vendere poi i filmini hard, pare numerosi, sui circuiti dei pedofili australiani, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Una mossa senz'altro consigliata dall'avvocato dell'uomo in attesa di prendere visione delle prove già in possesso degli inquirenti. Ma anche la presa di coscienza che ci sono pochi margini per avanzare pretese di innocenza: in uno dei filmini c'era la sua faccia e un documento del genere non può essere smentito da alcuna vacua affermazione. Il confronto è durato pochi minuti, il tempo di declinare l'invito a raccontare come sono andate le cose. Adesso le carte tornano al giudice delle indagini preliminari di Venezia che ha in mano il procedimento e deciderà tempi e modi dell'azione giudiziaria. Rimangono ovviamente salde le accuse di violenza sessuale pluriaggravata e continuata e di commercio di materiale pedopornografico, che contemplano pene fino a 24 anni.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 24 Agosto 2019, 17:55 - Ultimo aggiornamento: 18:56