Tradimento: «L'uomo infedele si riconosce
dalla faccia. Donna più brava a mascherarlo»

«L'uomo infedele si riconosce
dalla faccia. La donna
è più brava a mascherarlo»
L'uomo infedele si riconosce dalla faccia, la donna è invece più brava a mascherarlo, forse perché meno propensa a tradire. A tracciare il profilo della capacità di leggere nel viso i tradimenti gli psicologi evoluzionisti dell'University of Western Australia, che hanno mostrato a 1.500 volontari bianchi eterosessuali dei due sessi una serie di foto chiedendo di scovare chi era fedigrafo e chi no. 



I risultati sono sorprendenti. L'infedeltà dell'uomo si legge in faccia e a indicarlo non è tanto la mimica ma i tratti dei viso. Chi ha una mascella volitiva, un arco sopraccigliare forte e le labbra sottili è infatti più propenso a tradire. Segnali che mettono in allarme non solo le donne che cercano un compagno per la vita ma percepiti anche dagli altri uomini che vedono nel dongiovanni un potenziale rivale. Difficile invece individuare per ambo i sessi le donne infedeli. Forse perchè meno propense a tradire e complice anche l'uso dei cosmetici, riescono a mascherare meglio i legami fra caratteristiche facciali e comportamenti personali.

Scrivendo sulla rivista Royal Society Open Science, il professor Yong Zhi Foo, primo autore della ricerca, ipotizza che sospettare di uomini con aspetto mascolino abbia offerto un vantaggio evolutivo, permettendo alle donne di capire se il partner fosse o no inaffidabile e agli uomini identificare potenziali imbroglioni. Infine l'accuratezza nei giudizi di infedeltà sessuale eviterebbe anche i costi sociali e psicologici di trovarsi con matrimoni falliti e famiglie allargate. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 18 Aprile 2019, 14:28 - Ultimo aggiornamento: 18-04-2019 16:32

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO