Tornado in arrivo in Italia, il Cnr: «Ecco quali sono le regioni più a rischio»

Tornado in arrivo in Italia, il Cnr: «Ecco quali sono le regioni più a rischio»
Tornado in arrivo in Italia, il Cnr: «Ecco quali sono le regioni più a rischio»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Luglio 2022, 16:13

Tornado in arrivo in Italia. La  ricerca condotta dal Cnr-Isac, pubblicata su Atmospheric Research, rivela che la regione della Capitale è quella più colpita da questi eventi atmosferici. Il lavoro ha analizzato 32 anni di dati (1990-2021) e 445 tornado su tutta Italia. Ad essere particolarmente colpite le aree che si affacciano sul Tirreno, le regioni sud-orientali (Puglia-Calabria) e la Pianura Padana. 

Perché cresce il rischio dei tornado

Una delle risposte più evidenti all'aumento dei tornado è il cambiamento climatico. «Esistono delle forzanti specifiche - commenta Elenio Avolio del Cnr-Isac -, come la temperatura superficiale del mare, con un ruolo importante nello sviluppo di tali eventi». Ma qual è il motivo perché colpisce il Lazio? «Le regioni centrali tirreniche Italiane possono essere definite come un hot-spot per i tornado nell’area mediterranea». Per quanto riguarda il Tirreno le condizioni atmosferiche medie sono caratterizzate da «un'area di bassa pressione» sull’Italia nord-occidentale, sia in quota che in superficie, e da «venti al suolo sud-occidentali in grado di trasportare aria più calda della media verso le regioni colpite». 

Differenza tra tornado e tromba d'aria

Le parole "tornado" e "tromba d'aria" sono sinonimi. Ma non sono la stessa cosa. È scientificamente sbagliato quindi pensare che un tornado sia una tromba d'aria molto più forte: sono concettualmente la stessa cosa. E' preferibile usare la parola tornado in quanto esiste una classificazione ufficiale per valutarne l'intensità e i danni prodotti, ovvero la scala Fujita che varia dal grado 0 (debole) al grado 5 (catastrofico).

© RIPRODUZIONE RISERVATA