TikTok, folle challenge lanciata da un'influencer italiana: denunciata per istigazione al suicidio

Giovedì 28 Gennaio 2021
Folle challenge lanciata su TikTok, influencer 48enne denunciata per istigazione al suicidio

Aveva lanciato, su TikTok, una 'challenge' in cui invitava i follower a fare un folle gioco di resistenza. Una influencer siciliana di 48 anni, molto seguita sul social network cinese, è stata però individuata e denunciata per istigazione al suicidio.

LEGGI ANCHE

 

La 'challenge' suicida

La sfida lanciata su TikTok era partita da un video, in cui comparivano una donna e un uomo che si avvolgevano totalmente il volto, compresi narici e bocca, con il nastro adesivo trasparente, in modo tale da non poter respirare. Dopo la pubblicazione del filmato, l'influencer invitava i follower a raccogliere la 'challenge' seguendo le indicazioni del video.

 

Le indagini sulla influencer di TikTok

Le indagini sono state effettuate dalla polizia postale di Firenze, coordinata dal Procuratore aggiunto Luca Tescaroli e dal Sostituto Procuratore Fabio Di Vizio della Procura fiorentina. Dopo un lungo e costante monitoraggio, gli investigatori sono risaliti al profilo della 48enne influencer di TikTok. Il video, «estremamente pericoloso in quanto visibile a tutti gli utenti senza restrizioni, potendo costituire oggetto di emulazione da parte di minorenni, come purtroppo già accaduto nei recenti fatti di cronaca con sfide analoghe», è stato immediatamente segnalato dal CNCPO del Servizio Polizia Postale di Roma e rimosso dalla piattaforma Tik Tok.

 

Chi è la influencer denunciata

La donna denunciata è una 48enne originaria di Lentini (Siracusa), molto seguita su TikTok. Nell'ambito dell'attività di monitoraggio è stato accertato che nel tempo l'influencer aveva pubblicato anche altri numerosi «video sfide» dello stesso tenore, che le hanno permesso di ottenere popolarità e l'attenzione di ben 731.000 followers di diverse età. Per questo motivo, la polizia postale ha denunciato la donna per istigazione al suicidio (art. 580 c.p.).

 

LEGGI ANCHE

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA