Uccisa tigre che aveva mangiato 13 uomini:
catturata grazie a un profumo

Uccisa tigre che aveva
mangiato 13 uomini:
catturata grazie a un profumo
Era soprannominata la mangiatrice di uomini”. Dopo una lunga caccia, le autorità indiane sono riuscite ad uccidere una tigre femmina, considerata responsabile della morte di 13 persone. Dal 2016, l'animale era il terrore dei villaggi della foresta di Raleogan, nel distretto di Yavatmal dello stato del Maharashtra. E oggi molti abitanti della zona hanno festeggiato, con festose distribuzioni di dolci.

Tigre della malesia a rischio per un frutto maleodorante

 
Per uccidere la tigre «mangiatrice di uomini», era in corso da tre mesi una complessa operazione di caccia che ha coinvolto quasi 200 persone, fra cui un cecchino e un cacciatore esperto. Sono stati utilizzati anche droni, telecamere e cani. Per stanare il felino era stato fatto anche un tentativo con il profumo «Obsession for Men» di Calvin Klein, che contiene civetone, un feromone che secondo un esperimento americano attira i giaguari. 

In settembre, la Corte Suprema aveva rifiutato di sospendere l'ordine di uccidere a vista la tigre, ufficialmente indicata come T1, ma soprannominata Avni. Diversi gruppi animalisti si erano schierati a favore della tigre, madre di due cuccioli, chiedendo che fosse catturata ma non uccisa. Vi erano state anche polemiche sul numero delle vittime uccise dalla tigre, un esemplare di sei anni di età. L'analisi del Dna della saliva trovata sui 13 corpi ha confermato la responsabilità di Avni solo in cinque casi. In almeno un altro caso vi sono sospetti su una tigre maschio. L'India è il paese con il maggior numero di tigri in libertà: nel 2015 ve ne erano 2.226 secondo i dati dell'ente per la conservazione di questo felino. Le tigri sono protette e serve un'autorizzazione per ucciderle, il che accade quando cominciano ad attaccare gli uomini.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 3 Novembre 2018, 10:43 - Ultimo aggiornamento: 04-11-2018 10:47

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO