Terremoto Croazia, nuove forti scosse all'alba: paura anche in Italia

Mercoledì 30 Dicembre 2020
Terremoto Croazia, nuove forti scosse all'alba: paura anche in Italia

 

Terremoto, in Croazia sono state registrate nuove forti scosse all'alba, scosse che sono state sentite anche in Italia e sono state segnalate dalla Protezione civile regionale del Friuli Venezia Giulia. Sono due, dunque, le nuove scosse di terremoto avvenute questa mattina con epicentro in Croazia, nella stessa zona dove da due giorni si sta verificando il sisma.

Paura anche in Italia

 

La prima scossa è stata di magnitudo 5 ed è stata rilevata alle 6.15. La seconda, di magnitudo 4.7, alle 6.26. Il terremoto è stato avvertito anche in Friuli Venezia Giulia, dove molte persone sono state svegliate nel sonno. Sui social circa duecento persone hanno postato messaggi preoccupati.

 

 

 

 

Il governo croato stanzia 16 milioni di euro

 

Il premier croato Andrej Plenkovic ha annunciato un primo stanziamento pari a 16 milioni di euro a favore delle località colpite dal forte terremoto di ieri. Citato dai media regionali, il premier conservatore ha aggiunto che aiuti verranno chiesti alla Ue, dalla quale è giunta solidarietà e partecipazione. Plenkovic ha parlato ieri al telefono con la presidente della commissione europea Ursula von der Leyen, che ha espresso la piena disponibilità dell'Unione a fornire aiuti e sostegno alla Croazia.

 

Violenta scossa

 

Una violenta scossa di magnitudo 6.4 ha colpito ieri alle 12.20 il Paese ex jugoslavo con epicentro nelle vicinanze di Petrinja, una cinquantina di km a sudest della capitale Zagabria. La cittadina di 20 mila abitanti è stata semidistrutta, mentre danni notevoli si sono registrati anche a Sisak, Glina e nella stessa Zagabria, già colpita il 22 marzo scorso da un forte terremoto di magnitudo 5.5.

 

Il bilancio

 

Il bilancio finora è di almeno sette morti e decine di feriti, alcuni dei quali in gravi condizioni. Cinque delle vittime si sono avute nella piccola località di Majske Poljane, non lontana da Petrinja, e due di esse sono appartenenti alla minoranza serba in Croazia.

 

 

Video

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA