L'influencer Siu si è svegliata dal coma. L'auto parcheggiata, le contraddizioni del marito e i segnali di crisi: cosa sappiamo

Stamattina si è risvegliata. I medici però non hanno ancora sciolto la prognosi. Gli inquirenti sperano di poterla presto ascoltare

L'influencer Siu si è svegliata dal coma. L'auto parcheggiata, le contraddizioni del marito e i segnali di crisi: cosa sappiamo
L'influencer Siu si è svegliata dal coma. L'auto parcheggiata, le contraddizioni del marito e i segnali di crisi: cosa sappiamo
di Redazione web
3 Minuti di Lettura
Sabato 25 Maggio 2024, 07:47

È uscita dal coma farmacologico Soukaina El Basri, per tutti Siu, l'influencer di 30 anni che giovedì scorso era arrivata in ospedale a Biella dicendo di essersi ferita in casa. La donna era stata trasferita d'urgenza all'ospedale di Novara, dove era stata operata e ricoverata in rianimazione in coma farmacologico. Stamattina si è risvegliata. I medici però non hanno ancora sciolto la prognosi.

Gli inquirenti sperano di ascoltarla

Nelle prossime ore si attendono ulteriori accertamenti clinici per valutare le eventuali conseguenze riportate dalla donna, che quando è improvvisamente collassata è rimasta per oltre mezz'ora in arresto cardiaco.

Gli inquirenti sperano di poter ascoltare Siu per chiarire in via definitiva cosa sia successo nella villetta di Chiavazza a Biella dove la donna viveva con il marito, Jonathan Maldonado, 37 anni, ora in carcere con l'accusa di tentato omicidio.

  

Jonathan si è proclamato innocente

L'uomo, che è assistito dall'avvocato Giovanna Barbotto, si è proclamato innocente. Le due versioni che ha fornito sull'accaduto non hanno convinto magistrati e polizia: prima ha parlato di un incidente domestico, poi di un gesto autolesionistico da parte della donna, che a suo dire negli ultimi tempi pativa una forma di depressione. La ferita al torace, però, non è compatibile con l'oggetto che ha indicato. 

I segnali di una coppia in crisi

Vi sono poi una serie di elementi che lasciano pensare a una coppia in profonda crisi. A cominciare dalla denuncia per maltrattamenti che la donna aveva presentato nel maggio del 2023 per poi ritirarla a dicembre. Per passare alle testimonianze che parlano della gelosia di Jonathan e delle sue scenate.

 

Il giallo dell'auto parcheggiata

Si è creato un giallo, inoltre, sulla rottura dei sigilli sistemati su ordine della procura alla casa di Chiavazza dopo il sequestro. Gli inquirenti sospettano che l'iniziativa sia stata del marito: la sua auto infatti è rimasta parcheggiata a lungo nei pressi dell'abitazione. Per lunedì prossimo alle 18.30 a Biella è stato convocato via social un presidio di solidarietà per Siu. «Ci vogliamo vive» è il titolo. «Siamo arrabbiate e doloranti - si legge nel volantino - per l'ennesimo episodio di violenza che vede la nostra città salire agli onori delle cronache. Per questo abbiamo organizzato un presidio di solidarietà per Sokaina El Basri, la donna ridotta in fin di vita e ricoverata in rianimazione qualche giorno fa». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA