Sileri: «Quasi tutta la popolazione incontrerà Omicron, i non vaccinati rischiano di più»

Il sottosegretario alla Salute, a Domenica In, annuncia che sarà presto introdotta la distinzione tra positivi e malati

Domenica 16 Gennaio 2022
Covid, Sileri: «Quasi tutta la popolazione incontrerà Omicron, i non vaccinati rischiano di più»

Covid, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri annuncia che nelle prossime settimane sarà introdotto un nuovo tipo di bollettino e poi fa il punto della situazione di fronte alla variante Omicron.

LEGGI ANCHE 

Il virologo Menzo: «Omicron ormai prevalente nelle Marche, infetta tutti». Ecco quali sono i sintomi

Covid, Sileri: «In arrivo distinzione tra positivi e malati»

Ospite di Mara Venier a Domenica In, Sileri ha annunciato che entro le prossime due settimane i bollettini Covid cambieranno. «Sono d'accordo sulla necessità della revisione con una distinzione tra coloro che sono positivi al virus ed i malati. Questo ce lo consente la variante che circola oggi» - ha spiegato il sottosegretario alla Salute - «Il problema è che ad oggi circolano sia la variante Omicron che la Delta e la Delta dà problemi. La maggioranza di coloro che sono in intensiva sono infatti in gran parte infettati dalla Delta e non vaccinati. Vanno in intensiva anche infettati da Omicron, ma è meno probabile».
Le regole, ha spiegato Sileri, «verranno ulteriormente modificare e alleggerite credo molto presto. Vediamo adesso come vanno i contagi e facciamo una distinzione tra positivi e malati, considerando che i positivi non sono malati». Sileri ha quindi ribadito di essere d'accordo con la trasmissione del bollettino quotidiano ma in modo più dettagliato: «È giusto dare il dato ma deve essere dettagliato ed i numeri vanno spiegati. In questo momento - ha concluso - non è il positivo che conta ma il soggetto che va in ospedale, scomponendo però chi vi entra per altri motivi».

 

Covid, Sileri: «Quasi tutti gli italiani incontreranno Omicron, i non vaccinati rischiano»

La variante Omicron raggiungerà tutti, non c'è scampo. Non c'è dubbio che entro la fine del 2022, salvo che arrivi un'altra variante, quasi tutta la popolazione avrà incontrato questa variante». Lo ha affermato a Domenica In il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. Chi «è vaccinato sarà più protetto e potrà avere probabilmente una forma più leggera, ma chi non lo è - ha concluso Sileri - ha molti più rischi di andare in terapia intensiva».

 

Covid, Sileri: «Non è un'influenza»

«Il Covid non è diventato una 'banale' influenza e le sue conseguenze su chi non è immunizzato, anche se giovane e in buona salute, possono essere molto serie», ha spiegato Sileri a Domenica In.

Ultimo aggiornamento: 18:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA