Uccide le figlie di 3 anni e 17 mesi dopo essersi
informata sul web: «Ostacolavano la sua vita sessuale»

Uccide le figlie di 3 anni e 17 mesi dopo essersi informata sul web: «Ostacolavano la sua vita sessuale»
Uccide le figlie di 3 anni e 17 mesi dopo essersi informata sul web: «Ostacolavano la sua vita sessuale»
di Silvia Natella
1 Minuto di Lettura
Giovedì 1 Agosto 2019, 19:46 - Ultimo aggiornamento: 20:32

 Una madre di 23 anni, Louise Porton, è stata condannata per aver ucciso le figlie di tre anni e 17 mesi, perché avrebbero intralciato la sua vita sessuale. In un primo momento la giovane donna ha negato di aver soffocato le piccole Lexi Draper e Scarlett Vaughan, ma è stata giudicata colpevole dalla Corte di Birmingham (Regno Unito) giovedì scorso, con una decisione presa all'unanimità e dopo un processo di cinque settimane.

Omicidio Sarah Scazzi: «Sabrina Misseri è innocente». L'avvocato Franco Coppi confessa il suo tormento

Le bambine sono morte a 18 giorni di distanza per patologie respiratorie e la pubblica accusa ha ipotizzato sin dal principio l'omicidio. Il movente sarebbe prettamente egoistico: Louise - che su Facebook ha un'inquietante immagine profilo con il volto e gli abiti insanguinati - adescava gli uomini sui siti di incontri e cercava di intrecciare relazioni sessuali e a scopo di lucro, come riporta il Mirror. 


Nei messaggi in chat si è scoperto che si offriva per fare sesso e agli uomini chiedeva in cambio del denaro sul conto in banca per finanziare il suo "shopping".


Le bambine erano un ostacolo, doverle curare era un limite. Per questo la donna si sarebbe sbarazzata di loro. Sul suo computer sono state trovate tracce di una ricerca su come assassinare un bambino. La donna sostiene, invece, che la sua intera vita era costruita intorno a loro.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA