Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sesso con le pazienti per 'curarle' contro il papilloma virus: arrestato ginecologo

L'inchiesta era finita al centro dell'attenzione mediatica dopo un servizio de Le Iene

Sesso con le pazienti per 'curarle' contro il papilloma virus: arrestato ginecologo
Sesso con le pazienti per 'curarle' contro il papilloma virus: arrestato ginecologo
2 Minuti di Lettura
Martedì 30 Novembre 2021, 19:39

Il ginecologo Giovanni Miniello finito al centro di un'inchiesta per abusi sessuali è stato arrestato. Alle sue pazienti avrebbe proposto di fare sesso con lui come cura contro il papilloma virus. Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari ha emesso nei suoi confronti un ordine di custodia cautelare ai domiciliari. Le accuse sono di violenza sessuale aggravata.


Il caso è finito al centro dell'attenzione mediatica grazie a un servizio de "Le Iene" che con una finta paziente armata di telecamera aveva documentato il modus operandi del sessantottenne. Gli episodi di violenza che hanno dato origine all'inchiesta sono due: uno che risale al settembre 2019 e uno al giugno 2021, ed entrambi denunciati dalle presunte vittime alcuni due mesi dopo.

Giovanni Miniello diceva di voler curare con il sesso contro una malattia inesistente. L'uomo si era già dimesso dall’Ordine dei Medici e aveva anche chiesto anche la cancellazione dall’Albo, assicurando però di non aver commesso alcuna violenza. «È solo una alternativa di trattamento che ha dato dei risultati. Mai usato violenza, sempre assoluta libertà di scelta», aveva spiegato.

Per il Gip, invece, «nel corso delle visite e dei controlli sanitari cui si erano sottoposte presso il suo studio privato, aveva posto in essere atti e condotte gravemente lesive della loro sfera e libertà sessuale, peraltro in assenza di avviso alcuno alle pazienti circa talune pratiche ‘invasive' cui sarebbero state sottoposte e senza quindi averne accertato il relativo consenso». Dopo i primi due casi denunciati, al Centro antiviolenza del comune di Bari per giorni sono arrivate diverse richieste di ascolto di altre presunte vittime del ginecologo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA