Beve whisky alla guida (in diretta Facebook) e si schianta a folle velocità: incidente choc

Beve whisky alla guida (in diretta Facebook) e si schianta a folle velocità: incidente choc a Sassari
Beve whisky alla guida (in diretta Facebook) e si schianta a folle velocità: incidente choc a Sassari
3 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Giugno 2022, 16:24

Prima un lungo sorso di whisky al volante, poi una serie di sorpassi a folle velocità, infine lo schianto contro un'altra auto. Sono le immagini della surreale diretta Facebook di un 36enne di Porto Torres, che ieri sera per questa bravata ha messo a serio rischio la sua vita e quella degli altri automobilisti lungo la statale alle porte di Sassari. L'uomo ora rischia l'arresto, il ritiro della patente di guida e una condanna a 1 anno di carcere.

Incidente choc a Sassari: beve whisky alla guida e si schianta

Come racconta il quotidiano La Nuova Sardegna, l'automobilista è uscito quasi indenne dalla sua utilitaria, e così anche le due persone che viaggiavano sull'auto che ha speronato a tutta velocità. Sono finiti tutti in ospedale per curare le lievi ferite riportate. Ma per il 36enne è stato solo l'inizio di un mare di guai. Il video della sua "performance" in diretta è finito nelle mani della Polizia locale di Sassari, che già al momento dei soccorsi si era resa conto dello stato di alterazione psicofisica dell'uomo. L'alcol test effettuato in ospedale avrebbe confermato una grande quantità di alcol nel sangue e ora gli agenti, guidati dal dirigente Gianni Serra, stanno procedendo ad accertare le responsabilità penali e amministrative del 36enne, con tanto di video come prova inconfutabile.

Il video in diretta su Facebook

Nel video si vede il 36enne bere un lungo sorso di whisky da una bottiglia mentre è alla guida, poi pigia sull'acceleratore e inizia una gimcana a tutta velocità fra le auto, sorpassando a destra e a sinistra, fino a schiantarsi contro una macchina appena uscita da una corsia di accelerazione. La sua Fiat Punto si ribalta, si sente un fragore di vetri che si rompono e lamiere che si contorcono.

© RIPRODUZIONE RISERVATA