Mosca lancia l'allarme: «Stazione Iss potrebbe precipitare sulla Terra, colpa delle sanzioni»

Mosca lancia l'allarme: «Stazione Iss potrebbe precipitare sulla Terra, colpa delle sanzioni»
Mosca lancia l'allarme: «Stazione Iss potrebbe precipitare sulla Terra, colpa delle sanzioni»
2 Minuti di Lettura
Sabato 12 Marzo 2022, 12:12

Le sanzioni contro la Russia potrebbero far precipitare la Stazione Spaziale Internazionale, provocando «la caduta in mare o sulla terra» di questa struttura da 500 tonnellate. A minacciare su Telegram questo scenario apocalittico è Dimitri Rogozin, capo dell'agenzia spaziale russa Roscomos, molto vicino al leader russo Vladimir Putin. Lo riporta il Guardian, ricordando che l'agenzia spaziale americana (Nasa) aveva già detto in precedenza di essere impegnata per trovare il modo di mantenere l'Iss in orbita senza l'aiuto russo.

LEGGI ANCHE

Ucraina diretta. Mosca: pronte sanzioni contro l'Occidente. Bombardamenti a Kiev, raid su ospedale oncologico a Mykolaiv, colpita moschea a Mariupol

Secondo Rogozin le sanzioni rischiano di aver un'impatto sulla parte russa della missione dell'Iss, cui spetta il compito di mantenere la stazione spaziale in orbita. Il capo di Roscomsmos ha anche pubblicato un mappa dei luoghi dove la stazione potrebbe precipitare , sottolineando come sia improbabile che cada in Russia. Le popolazioni di altri paesi, specie quelle guidate dai «cani della guerra», dovrebbero riflettere sul prezzo delle sanzioni, sostiene Rogozin in perfetta linea con la narrativa propagandistica del Cremlino. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA