Rottweiler entra nel ristorante e sbrana un barboncino vicino al tavolo dei padroni

Uno dei due cani da guardia del titolare ha decapitato la bestiola, l'altro si è fermato all'entrata del locale

Lunedì 10 Gennaio 2022
Rottweiler entra nel ristorante e sbrana un barboncino vicino al tavolo dei padroni

ABANO TERME - Un episodio-choc è accaduto a "La Scuderia", ristorante-pizzeria di Abano Terme, famosa località termale vicino a Padova, dove un barboncino è stato sbranato dai due rottweiler dei proprietari, usciti dall'abitazione adiacente ed entrati nel locale.

 

 

Erano circa le 22 quando davanti ai due cani di tre anni si sono spalancate le porte automatiche della sala. Uno si è subito fermato, mentre l'altro è partito all'attacco del cagnolino di razza Bichon frisé che si trovava sotto il tavolo. Per il barboncino non c'è stato scampo: in pochi attimi è stato praticamente decapitato. Poi il rottweiler è scappato all'esterno da una vicina porta di sicurezza aperta da uno degli avventori. Nel ristorante è scoppiata una baraonda, mentre i proprietari del barboncino, una coppia residente nel Padovano, restavano annichiliti dallo choc.

 

E mentre il barboncino veniva brutalmente decapitato dai morsi dell’animale anche altre persone, oltre alla coppia proprietaria del cagnolino, hanno tentato di togliere quelle fauci dalla preda.

 

Solo quando il barboncino non si muoveva più l’animale ha mollato la presa riprendendo la strada per cui era entrato.
Sul posto sono poi arrivati i carabinieri che hanno raccolto le versioni dei presenti tra cui quelle della coppia proprietaria del bichon frisé, davvero molto scossa oltre che profondamente addolorata.

 

 

Adesso bisognerà attendere almeno una settimana - come riporta il Gazzettino -  per sapere quali provvedimenti prenderà il Servizio veterinario dell'Ulss 6 Euganea sul rottweiler. «Il veterinario dell'Ulss è atteso per il 18 gennaio» comunica infatti l'avvocato Luigi Ciccarese, amico e legale di Emanuela Turlon, titolare de La Scuderia e proprietaria del molosso che per una manciata di minuti ha gettato nel caos l'intero locale. «La mia cliente è rimasta molto scossa da quanto accaduto, anche se l'hanno un po' tirata su di morale le attestazioni di solidarietà e di stima che le sono arrivate da tanti clienti, alcuni anche presenti quella sera. Certo, non sono mancate parole pesanti nei suoi confronti in alcuni social locali continua Ciccarese - ma purtroppo si è trattato di un incidente di cui nessuno porta la colpa».

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA