Reddito di cittadinanza, ecco ottenerlo. Di Maio:
«Servono 8 ore di lavoro gratis a settimana»

Di Maio: questa settimana aboliamo i vitalizi, poi tagliamo le pensioni d'oro
Di Maio: questa settimana aboliamo i vitalizi, poi tagliamo le pensioni d'oro
3 Minuti di Lettura
Venerdì 22 Giugno 2018, 12:09 - Ultimo aggiornamento: 16:22

Otto ore di lavoro gratis a settimana. Questo il prerequisito per ricevere il reddito di cittadinanza. Lo ha annunciato Di Maio parlando al congresso della Uil dove il vicepremier ha aperto anche il fronte pensioni d'oro. «Dopo i vitalizi, passeremo alle pensioni d'oro» superiori ai 5mila euro netti mensili, ha detto.

LEGGI ANCHE Salvini: «Dieci vaccini obbligatori sono inutili e pericolosi, tutti i bimbi a scuola»


   


Reddito di cittadinanza. Obiettivo del reddito di cittadinanza «non è dare soldi a qualcuno per starsene sul divano ma è dire con franchezza: hai perso il lavoro - il tuo settore è finito o si è trasformato - ora ti è richiesto un percorso per riqualificarti e essere reinserito in nuovi settori. Ma mentre ti formi e lo Stato investe su di te, ti do un reddito e in cambio dai al tuo sindaco ogni settimana 8 ore lavorative gratuite di pubblica utilità», spiegato Di Maio.

Vitalizi e pensioni d'oro. «La prossima è la settimana buona per abolire i vitalizi dei parlamentari. È una questione di giustizia sociale. E subito dopo taglieremo le pensioni d'oro, percepite senza aver versato i contributi corrispondenti», ha spiegato. 


«Spero la settimana prossima», ha quindi risposto a una domanda sui tempi dell'avvio del decreto Dignità che definisce «la prima misura di questo governo». La norma «eliminerà la burocrazia per le imprese, ci sarà un intervento sul precariato - soprattutto dei più giovani - vieteremo pubblicità sul gioco d'azzardo e interverremo sulle delocalizzazioni, c'è un sacco di gente che viene lasciata in mezzo alla strada perché le aziende straniere vengono qui in Italia prendono soldi pubblici e poi se ne vanno all'estero», ha concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA