Rave illegale nelle campagne di Civita Castellana, partecipanti bloccati e identificati

Domenica 17 Aprile 2022
Rave illegale nelle campagne di Civita Castellana, partecipanti bloccati e identificati

Bloccato dalle forze dell'ordine il rave party organizzato lungo le sponde del fiume Tevere, nel territorio di Civita Castellana.

Polizia e carabinieri in allerta da qualche giorno, hanno interrottto l'afflusso delle persone che erano dirette a Ponzano Cave, località Saletti, al confine con il comune di San’Oreste (Roma) sotto il monte Soratte. Una cinqunatina le persone identificate e accompagnate presso la caserma carabinieri di Civita Castellana, una decina i mezzi posti sotto sequestro.

La zona era stata raggiunta da auto e camper provenienti da tutta Italia, ma la carovana in precendenza era stata bloccata in Umbria, nella zona di Terni. A quel punto la maggior parte dei partecipanti ha deciso di entrare sull'Autosole al casello di Orte per uscire a quello di Ponzano Romano, per raggiungere il nuovo luogo dell'appuntamento - diffuso via social - che dista pochi chilometri.

Ma ad attenderli hanno trovato anche quì carabineri e polizia. L'area scelta,è stata raggiunta da una ventina di mezzi, con a bordo le casse acustiche: una zona in aperta campagna ricca di pascoli. Il raduno in pratica è stato stroncato nel corso della giornata. La zona è ora sorvegliata dalle forze dell’ordine, che hanno bloccato le vie di accesso. Lo scorsa estate, sempre nel Viterbese, si era svolto il contestato rave nella zona di Valentano (al lago di Mezzano), ai confini della Toscana.

Il sindaco di Civita Castellana, Luca Giampieri (di Fratelli d'Italia), ha ringraziato le forze dell'ordine per il tempestivo intervento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA