Assalto nella villa dell'imprenditore: famiglia sequestrata, i banditi rubano tutto e scappano

Banditi nella villa a Marocco di Mogliano
Banditi nella villa a Marocco di Mogliano
3 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Novembre 2021, 15:17

MOGLIANO VENETO - Rapina in villa a Marocco di Mogliano Veneto, nella serata di domenica 14 novembre 2021. L'assalto si è consumato intorno alle 19.30 quando almeno quattro banditi travisati, dei quali due sarebbero stati armati, hanno scassinato la porta posteriore e sono entrati nell'abitazione di un noto imprenditore, in via Terraglio.

Armi in pugno, hanno fatto irruzione in villa all'ora di cena. E hanno bloccato la famiglia, il petroliere Giancarlo Miotto, la moglie e la figlia, con due persone di servizio, sotto la minaccia delle pistole. «State fermi e non vi succederà niente» hanno intimato con forte accento straniero. I quattro componenti della banda, tutti stranieri, con il volto travisato da passamontagna, vestiti con giubbetti e jeans, due dei quali armati di pistola, sono entrati nella villa, in via Terraglio a Marocco di Mogliano.

Banditi in villa a Marocco: cosa e' successo

Sono stati momenti di vero terrore per la famiglia: padre, madre e figlia, più due persone di servizio, sono stati sequestrati dalla banda e sono stati minacciati dai rapinatori fino a quando non è stato loro consegnato il contenuto di alcune casseforti e poi i malviventi sono scappati dal parco della villa. Il bottino sarebbe ingente, fortunatamente le vittime non sono rimaste ferite. Sul caso indagano i carabinieri.

Il precedente a villa Ego

Un colpo del tutto simile era stato messo a segno a luglio, sempre lungo il Terraglio ma Preganziol stavolta. In tre erano entrati nella casa, dove c'erano due coniugi ottantenni e la figlia di 44 anni. Dopo averli minacciati con dei cacciaviti, i banditi avevano sottratto gioielli, orologi e del denaro contante, fuggendo poi tra le strade e le altre ville della zona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA