Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cliente presa in ostaggio e pistola puntata: rapina choc all'ufficio postale, due arresti

I rapinatori con la cliente in ostaggio
I rapinatori con la cliente in ostaggio
2 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Ottobre 2021, 18:10

Momenti di terrore quelli vissuti da una donna tenuta in ostaggio sotto la minaccia di una pistola durante una rapina in un ufficio postale nel quadrante Est di Roma. I banditi con il volto nascosto da mascherina e occhiali da sole sono entrati e hanno afferrato la cliente. Mentre uno la teneva in ostaggio puntandole contro l’arma, il complice scavalcava il bancone, riuscendo a prendere il denaro da due casse. I due si sono poi allontanati fino all'uscita, sempre con la donna in ostaggio, e infine sono fuggiti.

LEGGI ANCHE:

Tragedia sullo scuolabus, autista perde il controllo e finisce contro un albero: morti 5 bambini delle elementari e altri 5 feriti

La scena, avvenuta la mattina dello scorso 10 settembre, è stata ripresa dalle telecamere di sorveglianza interne. Documento fondamentale per le indagini, coordinate dalla Procura di Roma, che hanno portato all'arresto dei rapinatori.

Si tratta di due romani, un 58enne e un 40enne con numerosi precedenti, fermati e portati in carcere oggi nel corso di un'operazione antirapina, condotta dalla Squadra Mobile della Questura di Roma - Sezione “Reati contro il Patrimonio” – in collaborazione con il Commissariato “Sant’Ippolito”. Due le misure di custodia cautelare in carcere emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari del locale Tribunale, a seguito di un'approfondita ricostruzione della dinamica dell'efferata rapina. Un terzo uomo è attualmente indagato a piede libero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA