Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rapina a mano armata al supermercato
Militare arrestato dai carabinieri

Rapina a mano armata al supermercato Militare arrestato dai carabinieri
di Sofia Arriva
2 Minuti di Lettura
Giovedì 31 Marzo 2016, 09:43
ROMA - Sembrava la scena di un poliziesco americano. Invece, quella di martedì pomeriggio a Boccea, era la realtà. Un militare dell'Esercito, armato di pistola, ha prima rapinato un supermercato di piazza Clemente XI (dove aveva fatto irruzione con una pistola), poi si è dato alla fuga, ma è stato inseguito dai carabinieri che lo hanno arrestato. Il tutto condito da una colluttazione degna del miglior Bud Spencer.

Nel corso di un servizio di antirapina agli esercizi commerciali, i Carabinieri della Stazione di Roma Monte Spaccato hanno così ammanettato un 43enne romano per rapina aggravata, resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e ricettazione.L'uomo, con il casco indossato, è entrato nel market a due passi da San Pietro - già rapinato nei giorni scorsi - sotto la minaccia di una pistola Smith&Wesson, calibro 38 carica, si è fatto consegnare da un dipendente l'incasso giornaliero.

Subito dopo, il rapinatore solitario è uscito dall'esercizio col bottino tentando di salire a bordo di un motociclo per darsi alla fuga senza aver fatto i conti con la pattuglia di Carabinieri, che prontamente ha inseguito e bloccato il malvivente. Ormai braccato, il soldato si è disfatto dell'arma lanciandola sotto un carrello della spesa e ha tentato la fuga a piedi, ma è stato immediatamente immobilizzato dai militari con cui ha avuto una violenta colluttazione. Dopo la rissa i carabinieri hanno recuperato la pistola usata per la rapina e la refurtiva, circa 700 euro in contanti.

Dagli accertamenti la pistola è risultata rubata nel 2008, a seguito di una rapina ai danni di un farmacista come lo scooter usato per il colpo dal 43enne anch'esso denunciato rubato lo scorso 11 marzo. L'uomo è stato portato al Carcere di Regina Coeli a disposizione dell'autorità giudiziaria.I Carabinieri stanno accertando la responsabilità da parte dell'arrestato per altre rapine commesse presso lo stesso negozio ed altri esercizi commerciali.
© RIPRODUZIONE RISERVATA