Bigliettaio contro i ragazzi down
"Via, siete lenti". E perdono il treno

Bigliettaio contro i ragazzi down "Via, siete lenti". E perdono il treno
2 Minuti di Lettura
Lunedì 18 Maggio 2015, 19:46 - Ultimo aggiornamento: 26 Maggio, 18:54
CONEGLIANO - Un gruppo di sette ragazzi portatori di sindrome di Down, di età compresa fra i 24 ed i 31 anni, sarebbero stati costretti sabato scorso a lasciare il posto ad altri clienti di Trenitalia mentre si trovavano in fila alla biglietteria di Conegliano per acquistare dei biglietti per Venezia, per non rallentare le procedure.



L'episodio, che ha costretto i giovani a prendere il treno successivo, è stato segnalato oggi dai responsabili della Onlus che li segue e che, in quella circostanza, li stava assistendo in un percorso di autonomia consistente nell'organizzazione per proprio conto di un viaggio di due giorni a Venezia.







Giunti a Mestre, dove hanno lasciato i bagagli, i sette sarebbero però stati coinvolti in un problema simile alla biglietteria per Venezia.

La società ferroviaria ha trasmesso oggi le proprie scuse per i «comportamenti irrispettosi e offensivi» eventualmente percepiti, riservandosi di accertare quanto effettivamente accaduto.



«Se gli approfondimenti confermeranno tali atteggiamenti - si legge in una nota inviata dalla compagnia - Trenitalia non mancherà di sanzionarli, come previsto dalle proprie norme interne. In ogni caso, per approfondire questa vicenda e altre questioni di loro interesse, sarà presto concordato un incontro fra loro e la Direzione Passeggeri Regionale di Trenitalia. Al momento i primi riscontri - conclude Trenitalia - confermano soltanto alcune difficoltà e lungaggini nel rilascio dei biglietti in partenza da Conegliano, anche a causa di una Carta Blu scaduta».


© RIPRODUZIONE RISERVATA