Ragazza di 29 anni morta in casa: lo zio l'ha trovata distesa sul letto

Domenica 27 Settembre 2020
Ragazza di 29 anni morta in casa: lo zio l'ha trovata distesa sul letto

SESTO AL REGHENA - Una giovane donna è stata trovata senza vita nella sua abitazione in via Nievo, nella frazione di Ramuscello. Ludovica Taffon aveva 29 anni ed era una studentessa universitaria. I carabinieri della stazione di Cordovado, guidati dal maresciallo Christian Capovilla, sono intervenuti nel tardo pomeriggio di ieri quando lo zio della giovane, dopo averla ripetutamente chiamata ma senza ricevere alcuna risposta, ha dato l'allarme. In via Nievo, oltre all'Arma, personale del 118 con un'ambulanza dall'ospedale di San Vito al Tagliamento. Il personale sanitario ha tentato in ogni modo di rianimare Ludovica, ma la 29enne non ha mai ripreso coscienza. Il medico legale, pertanto, ha potuto soltanto constatare il decesso. 

LEGGI ANCHE:

Milazzo, trovato il corpo del militare annegato dopo aver salvato un ragazzo

AUTOPSIA
Sul corpo della giovane donna sono stati disposti accertamenti medico-legali. Il magistrato di turno, Marco Faion, ha chiesto che venga effettuata l'autopsia per la giornata di domani. Pare tuttavia che la morte sia riconducibile a causa naturali, anche se l'esame autoptico servirà a fare maggiore chiarezza sull'accaduto. Da quando era bambina, Ludovica Toffon soffriva di problemi cardiaci. Difficoltà con le quali aveva imparato a convivere ma che si sarebbero accentuate nell'ultimo periodo, fino al decesso avvenuto ieri pomeriggio. Lo zio l'ha trovata distesa nella camera da letto. Non dava segni di vita. Ha provato a chiamarla e a scuoterla, sperando che potesse riprendersi, ma Ludovica era ormai morta. La disperata richiesta di soccorso al 112 è arrivata alle 16. «Fate presto, mia nipote non dà segni di vita», avrebbe ripetuto al telefono. In via Nievo, nel cuore della frazione di Ramuscello, dove Ludovica viveva con l'anziana nonna, si è precipitata un'ambulanza del 118. Il personale sanitario ha tentato di rianimarla ma ogni tentativo è risultato vano. Il decesso risalirebbe a qualche ora prima. La 29enne potrebbe essere stata tradita dal suo cuore. 

I CARABINIERI
Sul posto anche personale dei carabinieri della stazione di Cordovado, che ha subito informato la Procura di Pordenone. Come detto le cause del decesso saranno stabilite dall'autopsia disposta dal pm Faion, ma pare che all'origine del decesso ci sia un improvviso malore. Risultato essere fatale alla giovane donne. Dopo la scomparsa della madre, Ludovica Taffon aveva attraversato un difficile periodo. Chi la conosce, però, sostiene che era riuscita a superare il momento e che, anzi, stava trovando la chiave di svolta della sua vita. La notizia della sua scomparsa si è diffusa rapidamente a Ramuscello, dove tutti si conoscono, e dove la 29enne risiedeva con la nonna in via Nievo. 

Ultimo aggiornamento: 18:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA